Sì alla pensione anticipata, ma con pesanti penalità sui trattamenti previdenziali. La tanto attesa flessibilità in uscita potrebbe arrivare ma a carissimo prezzo, tanto da risultare sconveniente per i lavoratori "bastonati" dalla riforma Pensioni Fornero mentre erano sulla soglia del pensionamento. Ma gli interventi non dovrebbero essere previsti nella legge di Stabilità 2016, ma forse in un provvedimento ad hoc. Aldilà dei dubbi espressi ieri dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan al termine di un vertice a Palazzo Chigi, il premier Matteo Renzi conferma che sono alle ipotesi comunque delle misure che possano consentire l'accesso a pensionamenti a 62 anni, come auspicato da lavoratori e sindacati che però chiedono "lievi" e non "pesanti" penalità sugli assegni previdenziali.

Pensione anticipata, il premier: stiamo studiando misura ad hoc

"Stiamo studiando - ha detto ieri sera il presidente del Consiglio a Otto e Mezzo, su La7 - una misura che consenta di andare un po' prima in pensione. Ma garantendo - ha sottolineato Renzi - di costare un po' meno". Parole più rassicuranti rispetto a quelle utilizzate ieri dal ministro Padoan nel corso di un'intervista a SkyTg24. "Il principio della flessibilità è giusto", ha detto ieri il responsabile del Mef, ma ha sottolineato che questo principio va "valutato in termini di meccanismo e coperture".

E ancora non ci sono le risorse per i prepensionamenti se non con pesanti penalizzazioni che sostanzialmente li autofinanzino. In ogni caso, £"non è all'ordine del giorno nella legge di stabilità, almeno per il momento". Il cantiere sulla riforma pensioni del Governo Renzi resta dunque aperto, ma sembra ormai sempre più lontana l'ipotesi che si riesca a intervenire con la prossima manovra economica e finanziaria per modificare la legge Fornero.

In materia previdenziale dovranno anche essere coperte le spese per l'adeguamento dei trattamenti pensionistici al costo della vita come prevede il decreto legge varato in ottemperanza alla sentenza della Corte Costituzionale sulle pensioni.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!