La manovra di bilancio, entro il prossimo venerdì (20 novembre) dovrà superare il test del voto a Palazzo Madama. Molto probabilmente con un maxi-emendamento dell'esecutivo che recepirà in aula i cambiamenti introdotti durante l'esame del ddl Stabilità 2016 in commissione Bilancio, dove la votazione finale è stata rinviata a martedì 17 novembre. Nuovo rinvio che ha fatto slittare anche l'approdo del testo in aula inizialmente previsto per il 16 novembre.

Legge di Stabilità 2016: concluso il lavoro preliminare, ora la sintesi

Tra domenica e lunedì 15 e 16 novembre, dopo una prima scrematura, si va al sodo sulle modifiche da introdurre nella finanziaria. Sicuramente escluse le proposte di modifica al capitolo Pensioni, non è attesa nessuna novità su flessibilità in uscita così come sui provvedimenti per esodati, opzione contributivo donna, no tax area pensionati, pensione anticipata part-time. Eventuale misure potranno essere ridiscusse, forse, alla Camera, compresa quella prevista negli emendamenti Pd e Ap sul prestito pensionistico.

Le novità importanti, in questo primo passaggio al Senato, potrebbero riguardare i provvedimenti per il Sud e il money transfer. C'è anche il capitolo casa e Tasi, la maggioranza è in pressing sul governo con diversi emendamenti, che spaziano dagli sconti per gli alloggi popolari al canone concordato fino al comodato d'uso ai figli.

Tasi: maggioranza in pressing su comodato d'uso e canone concordato

Tra le altre proposte di modifica che potrebbero trovare spazio in questo passaggio della manovra di bilancio al Senato, quelle relative al canone Rai e ai fondi per le tv e le radio locali. Ma sono in ballo anche altri emendamenti sui voucher per le baby sitter, le bonifiche tetti d'amianto delle strutture pubbliche, il congedo obbligatorio per i papà, misure di sostegno per i disabili.

Finora solo una decina gli emendamenti approvati, tutti gli altri respinti, bocciati, ritirati. Tra gli emendamenti che hanno avuto il via libera il cosiddetto "salva-delibere Imu-Tasi per i Comuni" e quello che raddoppia il bonus mobili per le giovani coppie. Mentre le questioni che vengono rinviate a Montecitorio sono le modifiche sulle misure per le pensioni, i giochi d'azzardo e gli enti locali. Già domenica pomeriggio (15 novembre), secondo quanto ha spiegato all'askanews la relatrice del ddl Stabilità 2016, Magda Zanoni (Pd), "produrremo le prime bozze di sintesi".

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!