La formulazione delle proposte di riforma della previdenza è arrivata dopo una puntuale richiesta del Governo, che desiderava avere un parere tecnico sulle possibili vie da percorrere in questo delicato ambito. Torna ad affermarlo con decisione il Presidente dell'Inps Tito Boeri, dopo le polemiche che sono scaturite nelle scorse settimane e la bufera che si è abbattuta sulla posizione dell'economista nel dibattito politico. "Rivendico per l'Inps un ruolo propositivo e non solo esecutivo" ha spiegato il tecnico durante un meeting organizzato per illustrare lo stato del bilancio sociale della Regione Piemonte.

"Ci è stato chiesto di formulare delle proposte e le abbiamo presentate a giugno di quest'anno, dopodiché il Governo ci ha chiesto di renderle pubbliche". Sarebbe infatti questo il realesvolgimento dei fatti riguardo l'analisi tecnica della situazione ed il successivo dossiercontenente le proposte di riforma suggerite dall'istituto pubblico di previdenza.

Riforma pensioni, Boeri preoccupato per i buchi di carriera ei disoccupati in età avanzata

Nel frattempo, non sono mancati i commenti sull'attuale situazione della previdenza pubblica.

Il Presidente Boeri ha espresso la propria preoccupazione sulla situazione dei lavoratori con carriere discontinue, che allo stato attuale potrebbero andare incontro a problemi durante l'età di pensionamento. Il problema principale per le carriere mobili è rappresentato dalle regole che dividono le diverse gestioni previdenziali, visto che "le ricongiunzioni sono troppo onerose". Tra i nodi che destano maggiore preoccupazioni vi sono anche i lavoratori e i disoccupati in età avanzata, che al momento restano esclusi dalla pensione a causa della rigidità del sistema.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Pensioni

Per questo motivo, trai suggerimenti dell'economista vi la creazione del reddito minimo per gli over 55enni e diuna misura per l'accesso all'Inps già a partire dai 62 anni di età (con 20 anni di versamenti). Il tutto potrebbe essere finanziato con un contributo di solidarietà sulla parte retributiva dei vitalizi più elevati (sopra i 3500 euro al mese).

E voi, cosa pensate delle ultime dichiarazioni che vi abbiamo riportato? Fatecelo sapere condividendo un nuovo commento tramite l'apposita funzione del sito, mentre per ricevere tutte le prossime notizie di aggiornamento sulle pensioni vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto