Si sta perentrare nel vivo delle discussioni sulla legge di stabilità 2016, mentre presso la Commissione bilancio del Senato prosegue l'esame degli emendamenti al testo che sarà presentato a breve in aula. Si attende così di conoscere quali saranno gli effettivi correttivi inseriti nel comparto della previdenza, visto che sia parlamentari della maggioranza che dell'opposizione chiedono un intervento di apertura alla flessibilità previdenziale. Tra gli emendamenti già depositati, vi sono quelli riguardanti l'apertura del fondo esodatinei confronti di coloro che l'Inps considera come lavoratori in età avanzata.

Stiamo parlando di almeno 6000 soggetti che attualmente si trovanoin mobilità e per i quali risultano mancanti fino a 3 anni per l'accesso alla quiescenza. Altri 2000 lavoratori appartengono invece a coloro che hanno beneficiato della legge 104 e per i quali si chiede l'inserimento tra i pensionandi da tutelare con la settima salvaguardia.

Riforma pensioni 2016, i lavoratori precoci chiedono una sanatoria

Per quanto riguarda le altre sanatorie, si attende si scoprire cosa sarà del possibileintervento sperimentale basato sul meccanismo del prestito pensionistico, che di fatto potrebbe aiutare i lavoratori ad ottenere la quiescenza con 24 mesi di anticipo rispetto agli attuali criteri Inps.

Appareinvece più criticala situazione dei lavoratori precoci, ovvero di quei soggetti che hanno iniziato a lavorare in giovane età e che non possono accedere al pensionamento nonostante decenni di versamenti, a causa della rigidità nei criteri anagrafici e contributivi sorta con la legge Fornero del 2011. Per questi individuiil Governo sembra voler rimandare ogni possibile intervento al prossimo anno, sebbene dai lavoratori riunitisi nei gruppi all'interno dei social network giunge con fermezza la richiesta di un intervento immediato con l'inserimento in legge di stabilità del pensionamento a partire dai 41 anni di versamenti.

E voi, cosa pensate dell'attuale discussione sulla legge di stabilità 2016? Come da nostra abitudine, restiamo disponibili qualora desideriate esprimere la vostra opinione tramite l'apposita funzione dei commenti. Mentre per ricevere tutte le prossime news di aggiornamento sulla previdenza vi suggeriamo di cliccare il comodo tasto "segui" che vedete in alto, vicino al titolo.

Segui la nostra pagina Facebook!