Non si placano le polemiche sulla riforma delle Pensioni di reversibilità allo studio del Governo Renzi. Nonostante le rassicurazioni dei ministri del Lavoro, Giuliano Poletti e dell’Economia e delle Finanze, Pier Carlo Padoan, secondo i quali non ci saranno modifiche all’attuale impianto dei trattamenti e nessuna revisione delle pensioni di reversibilità, rimangono molti dubbi sulle effettive intenzioni dell’Esecutivo. Proprio nella giornata di ieri, riferisce il quotidiano Italia Oggi, il presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano è intervenuto sulla questione ed ha acconsentito alle rivendicazioni dei sindacati.

Damiano contro la riforma dellareversibilità

Pertanto Damiano proporrà al Governo lo stralcio delle norme contenute nel disegno di legge di contrasto alla povertà che fanno riferimento alle pensioni di reversibilità come possibile misura assistenziale e non più come previdenziale. In questo quadro, le pensioni di reversibilità verrebbero ancorate all’indicatore della situazione equivalente, l’Isee, con possibili riduzioni dell’assegno pensionistico in base al patrimonio ed al reddito dei componenti della famiglia del pensionato deceduto.

Sindacati contro il Ddl sul contrasto alla povertà nella parte delle pensioni di reversibilità

Al di là delle parole dei due ministri, Domenico Proietti, segretario confederale della Uil, è stato molto chiaro sul da farsi: “Se davvero il Governo vuole essere coerente con le garanzie manifestate sul fatto che non ci saranno revisioni delle pensioni di reversibilità, allora deve eliminarle dal disegno di legge sul riordino delle misure sulla povertà”.

Maurizio Petriccioli, segretario confederale della Cisl è sullo stesso piano: “Non sono sufficienti le rassicurazioni date dal ministro del Lavoro Giuliano Poletti: nelle norme di contrasto alla povertà va tolto ogni riferimento al sistema previdenziale”. Testo da correggere, in definitiva, anche per Nazzareno Mollicone dell’Ugl: un coro che è stato accolto da Cesare Damiano che proporrà lo stralcio del provvedimento sulla reversibilità.

Segui la nostra pagina Facebook!