Il concorso docenti 2016 si avvicina sempre di più, sono appena una manciata, infatti, i giorni cherestano per inviare la propria candidatura.In precedenza motivo di discussione erano state le due domande in lingua straniera. All'inizio si supponeva fossero a risposta aperta, ma in seguito alle numerose rimostranze è stato attuato il sistema di risposta multipla, nonostante la conoscenza della lingua inglese rimanga sempre del livello B2 del QCER. Infine, motivo di discussione era stato lo svolgimento della prova computer based.

Dopo le ultime delucidazioni si è semplicemente venuti a conoscenza che ognicandidato dovrà portare con séun documento di riconoscimento, grazie al quale verrà registrato ed in seguito potrà essere abilitatoa svolgere la prova.In questo momento a generare problemi è il boom di registrazioni pervenuto. Boom di registrazioni che sta causando problemi alla piattaforma online POLIS.

ConcorsoBuona Scuola2016

Il termine utile per registrarsi e presentare la propria candidatura per il concorso docenti 2016 è il30 marzo, dopo tale data non sarà più possibile candidarsi.

Manca poco più di una settimana al termine fissato e, anche se sembra strano, molti aspiranti docenti non hanno ancora inviato la propria candidatura. Ciò nonostante va specificato che le candidature inviate fino ad ora sono ben 50 mila. Un numero di domande inviate davvero impressionante, ma le stime parlano di numeri molto più alti. Al momento, infatti, la piattaforma on line Polis pare avere subito un sovraccarico a causa dell'ingente numero di domande inviate.

Il server è così fuori servizio e momentaneamente non disponibile. I tecnici comunque sono all'opera per porre termine a questo piccolo intoppo, anche se è nota la scarsa capacità di sostenimento di questo portale. Per potere accedere tranquillamente al portale è bene collegarsi durante orari nei quali si suppone sia più libero come la mattina presta o la sera tardi. Se si pensa che ancora molti sono i docenti che devono inviare la propria candidatura è facilmente intuibile che la situazione è davvero ostica.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!