Il 16 marzo è stato pubblicata sul sito del Miur una notizia che, forse, può riuscire a portare una ventata di speranza a molti docenti. Il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca ha stanziato circa 200 milioni di euro per premiare i docenti più meritevoli. Ciò fa si che per ogni istituto scolastico verranno erogati circa 23 mila euro; tale cifra dovrà essere ripartita tra gli insegnanti più meritevoli. Chi, tra i docenti, si è maggiormente distinto per le proprie capacità di insegnamento, la passione per il proprio lavoro e per le proprie conoscenze ricevere un bonus in denaro.

Va precisato che la cifra non sarà uguale per tutti i docenti perché ogni istituto avrà libertà d'azione in tal senso.

Premiare il merito

L'erogare un bonus ai docenti di ogni ordine e grado è sicuramente un incentivo che permette loro di sentirsi gratificati del loro ruolo e li spinge a proseguire nel loro operato, nonché li esorta a dare sempre il meglio. In particolare modo verranno premiati quelli insegnanti che prestano il loro operato in zonea rischio. Bisogna fare opera di distinguo sulla ripartizione dei fondi docenti: ad erogare le somme sarà il dirigente scolastico attenendosi a dei principi guida stabiliti dal nucleo di valutazione.

Quest'ultimo può esserecomposto da più figure: 3 saranno insegnanti, due genitori (per le scuole elementari e per le medie inferiori) o un genitore ed uno studente (per le medie superiori) ed un componente esterno disposto dall'Ufficio scolastico Regionale.

Nell'individuare i docenti meritevoli bisogna tenere conto di alcune caratteristiche, eccole di seguito in un estratto: competenze nella propria mansione, miglioramenti apportati all'istituto nel quale il docente presta servizio, miglioramento delle conoscenze degli alunni in seguito all'uso della metodologia didattica scelta dal docente.

Non è possibile ora fare una stima precisa della somma erogata ad ogni docente. È possibile affermare che ad ogni Scuola verrà lasciata discrezione in merito e che tra i diversi istituti la somma potrà essere diversa.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!