Secondo quanto riportato dall'Istat, in Italia è in netto aumento la ricerca di lavoro attraverso conoscenti e parenti. Alla base di tale questione ci sono gli scarsi risultati che Internet concede in fatto di lavoro. I dati parlano chiaro: l'84,8% cerca lavoro nel proprio nucleo familiare o tra amici, al 55,4% c'è chi punta al web e fermi al 69,2% restano coloro che inviano curriculum.

La percentuale delle persone che cercano offerte di lavoro su Internet si presenta in netto ribasso rispetto allo scorso anno dove venne registrato il 59%.

L'Italia presenta quindi poco feeling con le piattaforme di ricerca digitale in fatto di lavoro e questo è causato sopratutto dalla tendenza degli italiani ad ottenere un lavoro attraverso legami parentelari. Sono sempre più infatti le persone che riescono a trovare un'occupazione grazie ai propri familiari già inseriti in tali impieghi. Oltre l'impegno, la qualifica e la passione c'è la raccomandazione di amici e parenti che sembrano essere l'unica soluzione valida per un problema divenuto ormai all'ordine del giorno.

A presentare questa tendenza, oltre all'Italia, anche Regno Unito e Stati Uniti. Secondo l'Istat queste nazioni sono quelle in cui è presente maggior legame tra reddito dei figli e quello dei padri.

I giovani sempre in crisi

Ad avere la peggio in Italia, sembrano essere sempre i giovani che dopo aver conseguito il massimo titolo di studio non riescono a trovare un impiego nei due anni successivi. Nonostante le manovre del governo, questa situazione rappresenta ancora una piaga dolente del nostro territorio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro

L'Italia è un paese in cui, secondo le stime, la meritocrazia incide sempre meno rispetto ai legami parentelari ed alle raccomandazioni capaci di generare risultati soddisfacenti e fruttuosi. Intanto il Sud è il territorio con la maggiore incidenza del problema anche se il Nord non è da meno. Bisognerà dunque fare di più per invertire tale tendenza ed evitare le ''fughe di cervelli'' che si moltiplicano giorno dopo giorno.

Sono in continuo aumento ormai, i giovani che lasciano l'Italia per mettere in pratica le loro competenze all'interno di nazioni in grado di garantire maggiore stabilità e retribuzione. Quello del precariato è un altro fenomeno molto diffuso nella penisola italiana con i contratti a tempo determinato sempre più in voga.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto