I docenti italiani sono davvero quelli pagati di meno ? In base allaraccolta dati sugli stipendi dal livello primario a quello dell’istruzione superiore, sembrerebbe proprio di sì. In alcuni casi un insegnante della Scuola secondaria italiana percepisce una retribuzione più bassa anche di un collega della scuola primaria. Il resoconto è stato effettuato da Eurydice: idati sono presentati per ciascun paese in forma schematica, dei quali abbiamo estrapolato i risultati degli stipendi lordi annui minimi e massimi dei docenti di 10 paesi per poterli confrontare.

Ecco cosa abbiamo scoperto. Per consultare l'intero documento è anche possibile collegarsi al link sottostante:http://www.indire.it/eurydice/content/index.php?action=read_cnt&id_cnt=12643

Stipendi insegnanti secondaria II grado

Un insegnante italiano della scuola secondaria di II grado percepisce uno stipendio tra 24.000 e 38.000 euro: siamo al 17esimo posto, davvero distanti dagli altri paesi europei.

1. Lussemburgo: 79.000 - 138 mila euro

2. Liechtenstein: 80 -131 mila euro

3. Paesi Bassi: 70 - 80 milaeuro

4. Germania: 50 - 69 mila euro

5. Austria: 32 - 68 mila euro

6. Belgio: 37 - 67 mila euro

7. Danimarca: 51 - 66 mila euro

8. Irlanda: 27 - 57 mila euro

9. Cipro: 23 - 58 mila euro

10. Francia: 27 - 48 mila euro

Vi sareste aspettati questo risultato?

Al primo posto troviamo dunque il Lussemburgo, mentre resta in classifica la Francia. In realtà, in relazione alla nostra esperienza di insegnamento all'estero, avremo pensato di trovare la Francia un po' al di sopra, in considerazione che il personale educativo e bibliotecario, già circa 5/6 anni fa aveva uno stipendio lordo di 2.300 euro.

L'Italia resta dunque molto bassa, con una retribuzione lorda pari al livello minimo del paese francese. È dunque vero ciò di cui ci si lamenta, confermato dai dati di Eurydice: gli insegnanti italiani 'sono pagati poco' e comunque molto meno rispetto agli altri Paesi europei, e non si tratta di costo della vita - come alcuni vorrebbero farci credere - perché se osserviamo la classifica dei 10 paesi, possiamo notare che l'Italia non è certo al di sopra della Grecia, per esempio.

E la scuola secondaria di I grado?

Sembrerebbe passarsela peggio: l'Italia scende di un gradino, conservando un posto ancora più basso, il 18esimo. Un insegnante della scuola secondaria di primo grado percepisce uno stipendio lordo che oscilla dai 22.000 ai 34.000 euro. Possibile consultare il documento di 98 pagine:http://www.indire.it/lucabas/lkmw_file/eurydice///Teacher%20salaries%20-%20final%20report.pdf

1. Lussemburgo: 79 - 130.000 euro

2. Germania: 56 - 74.000 euro

3. Irlanda: 36 - 68.000 euro

4. Paesi Bassi: 38 - 66.000 euro

5. Spagna: 40 - 57.000 euro

Gli insegnanti italiani si collocano come indicato sopra al 18esimo posto con uno stipendio massimo di 34.000 euro. A inizio carriera un insegnante italiano ha un reddito di 22/24 mila euro circa al loro, al di sotto di tutti i livelli indicati nella classifica delle retribuzioni di altri paesi europei.

Nel report di Eurydice sono inseriti anche altri due stati ma li abbiamo tralasciati per mettere in evidenza quelli che maggiormente si avvicinano al sistema scolastico italiano. Lussemburgo, Germania e Paesi Bassi restano comunque ai primi posti per il personale docente più pagato, con la conservazione di un secondo posto per i tedeschi, che nella secondaria di primo grado superano anche gli insegnanti diLiechtenstein. I docenti italiani restano dunque anche per la secondaria di I grado molto lontani non solo dal podio ma proprio dalla possibilità di entrare in classifica, in considerazione del blocco dei contratti e dei mancanti aumenti che hanno fatto la storia degli stipendi dei docenti. Se desideri seguirci con la classifica di infanzia e primaria clicca su 'Segui' in alto a sinistra.