"Per i pensionandi dovrebbero essere previsti interventi per i precoci, per quei lavoratori che hanno iniziato a lavorare presto, da piccoli". Lo ha affermato Ivan Pedretti per la Spi Cgil, facendo il punto della situazione attraverso una nuova diretta su Facebook. Il sindacalista ha spiegato che si sta ragionando anche sui "lavori usuranti, per coloro che hanno lavori pesanti. Poi la flessibilità in uscita e infine anche il tema delle ricongiunzioni onerose". In merito al confronto vero e proprio sull'Anticipo pensionistico, resta però da chiarire l'incognita delle coperture. "Il Governo non dice ancora quante risorse mette a disposizione per affrontare questi temi.

Il confronto è andato abbastanza bene, ma non c'è la quantità delle risorse da collegare agli interventi da fare. È evidente per noi che se non ci saranno delle risorse bisognerà iniziare di nuovo a mobilitarci".

Riforma pensioni, occhi puntati sul prossimo confronto fissato al 29 luglio 2016

Sui prossimi passi da compiere, Pedretti ha spiegato di attendere "il tavolo del 29 luglio, un confronto politico che dovrebbe in qualche modo definire quali sono a grandi linee le quantità economiche e finanziarie per rispondere ai temi che abbiamo posto. Noi speriamo che vada bene, altrimenti ci mobiliteremo come spesso abbiamo detto". In riferimento invece alle domande poste prima della diretta, il sindacalista è intervenuto su numerosi temi. Riguardo l'aspettativa di vita "noi rispondiamo che il confronto con il Governo sta valutando la possibilità di bloccare a 67 anni l'AdV, partendo inizialmente dai lavoratori che hanno lavori usuranti e poi allargarla ad altri".

I migliori video del giorno

Per quanto concerne invece "il riconoscimento contributivo per l'anticipata, la discussione con il Governo sta affrontando questo tema pensando di riconoscere alcuni mesi contributivi per quei lavoratori che hanno iniziato a lavorare a 14 anni fino ai 18, consentendo loro di anticipare la pensione fino ai 41 anni con la finestra". Infine, "l'opzione donna dovrebbe essere prorogata per tutto il 2016 e si sta verificando anche la possibilità di rispondere a quelle persone che per qualche mese hanno perso il diritto. Per cui dovremmo riuscire a dare una risposta positiva".

I commenti di Ivan Pedretti in merito alla situazione dei pensionati

Non meno importanti sono stati i commenti in merito ai pensionati. "Il tavolo è stato convocato dopo la nostra manifestazione del 19 maggio. Noi abbiamo chiesto al Governo tre temi importanti per i pensionati. Il primo è di pagare meno tasse, pagarle come i lavoratori dipendenti. Poi un sistema di rivalutazione più giusto delle Pensioni e che si concluda il blocco delle rivalutazioni, oltre alla tutela del potere d'acquisto delle pensioni, perché sono calate del 30% negli ultimi anni".

 Infine si è parlato della tutela dei redditi più bassi. "Il tavolo ha affrontato alcune ipotesi. Una di queste prevede l'allargamento della no tax area. Un'intervento di allargamento sulla 14ma. E poi, il ritorno al sistema di rivalutazione della vecchia legge Prodi".

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione nel caso desideriate aggiungere un nuovo commento nel sito in merito alle ultime novità che vi abbiamo riportato. Se invece preferite ricevere le prossime notizie di aggiornamento sulla previdenza vi ricordiamo di utilizzare la comoda funzione "segui" che trovate in alto, vicino al titolo dell'articolo.