L'interrogazione parlamentare presentata in data 15 settembre 2015, vede come prima firmataria l'onorevole Colomba Mongiello del Partito Democratico e come co-firmatari gli onorevoli Di Gioia Lello del gruppo misto, Ventricelli Liliana e Ginefra Dario del Partito Democratico. L'interrogazione destinata al ministero dell'istruzione, università e ricerca, si riferisce alla disparità di trattamento che si è venuta a creare nella legge 107/2015 cosiddetta ("buona Scuola") (commi 87,88,89) laddove è stata prevista una "sanatoria" (corso intensivo riservato) per coloro i quali all'entrata in vigore della predetta legge (16 luglio 2015)avevano un contenzioso pendente relativo ai concorsi a dirigente scolastico del 2004 e del 2006, escludendo clamorosamente i ricorrenti con ricorsi pendenti relativi al concorso a dirigente scolastico del 2011 che hanno comunque ancora contenziosi pendenti ad oggi in attesa di giudizio.

La situazione dei ricorrenti del concorso 2011

Mentre i bandi di concorso del 2004 e del 2006 a dirigente scolastico, non prevedevano una prova preselettiva, quello del 2011 prevedeva una preselettiva rigida (100 quesiti a risposta multipla sulle materie attinenti al ruolo e alle funzioni del dirigente scolastico da risolvere in 100 minuti).Se si sanasse la situazione dei ricorrenti del concorso a dirigente scolastico del 2011, eliminando una palese discriminazione e disparità di trattamento, si potrebbe di conseguenza eliminare, a partire dal prossimo anno scolastico, buona parte delle reggenze che già ad oggi pongono seri problemi di tenuta del sistema scolastico in quanto oggi i dirigenti scolastici titolari di un istituto, sono costretti a gestire più scuole in reggenza,distanti a volte tra loro svariati chilometri.

Con questa interrogazione parlamentare si sta cercando in primo luogo di ristabilire parità di trattamento tra tutti i ricorrenti, ed in secondo luogo di avere dirigenti scolastici sufficienti a coprire tutti gli istituti con conseguenze positive sul buon funzionamento della scuola pubblica.

Segui la nostra pagina Facebook!