Assoluzione con formula piena, per non aver commesso il fatto, per Veronica Panarello, la giovane mamma siciliana già condannata in primo grado per l'omicidio e l'occultamento del cadavere del figlio Loris Stival, ucciso a otto anni il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina e poi abbandonato in un torrente nelle campagne vicine al castello di Donnafugata, nel Ragusano. A chiederla è l'avvocato Francesco Villardita, che sin dal primo momento è il difensore della donna attualmente rinchiusa in carcere a Catania e già condannata in primo grado a 30 anni di reclusione.

Omicidio Loris Stival, verso il processo di secondo grado

Il processo si è svolto col rito abbreviato davanti a gup del tribunale di Ragusa Andrea Reale e le motivazioni sono già state depositate nelle scorse settimane. Adesso la sentenza - emessa il 17 ottobre 2016 - viene impugnata e la difesa punta a un ribaltamento della sentenza nel processo di secondo grado. La riapertura dell'istruttoria dibattimentale per un confronto all'americana tra Veronica Panarello e il suocero Andrea Stival, che la donna ha tirato in ballo come suo presunto amante e come autore del delitto. L'avvocato Villardita, tra le richieste preliminari nell'atto di appello contro la sentenza di primo grado - emessa il 17 ottobre 2016 - chiede anche una nuova perizia psichiatrica per la sua assistita.

Assoluzione per Veronica Panarello chiesa dalla difesa

In subordine all'assoluzione con formula ampiamente liberatoria per non aver commesso il fatto, l'avvocato Villardita chiede "ritenere la sussistenza del concorso anomalo" nel delitto, commesso da altri, secondo quanto riporta oggi l'agenzia di stampa Ansa. Comunque il legale chiede il riconoscimento del "vizio parziale di mente" e la rideterminazione della pena inflitta con il riconoscimento delle attenuanti generiche che non le sono state riconosciute nel giudizio abbreviato davanti al gup di Ragusa.

Il processo di secondo grado per il delitto del piccolo Loris Stival sarà celebrato davanti alla corte d'appello di Catania, la data dell'udienza non è stata ancora fissata.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!