In merito all'apertura delle graduatorie di istituto di II e III fascia per il triennio 2017-2020, i sindacati il 7 giugno hanno inviato una richiesta di incontro urgente al Miur per discutere un'eventuale proroga della data di scadenza per la consegna del modello A, originariamente fissata al prossimo 24 giugno. In tal modo, le segreterie scolastiche avrebbero più tempo per esaminare le domande pervenute.

Nel frattempo non accennano a diminuire i dubbi e le perplessità riguardanti la compilazione del modello. Ecco le risposte alle domande più comunemente rivolte ai sindacati.

La compilazione del modello A2

A chi va consegnato il Modello A2, una volta compilato? A una qualsiasi delle venti scuole della provincia prescelta che, dal 1 al 20 luglio 2017, saranno indicate sul portale Istanze Online del MIUR.

La scuola deve appartenere al grado di istruzione più alto (se si scelgono scuole medie e superiori, il modello andrà consegnato alla segreteria di una scuola superiore).

Dove si può trovare il codice meccanografico della scuola alla quale consegnare il modello A2 compilato? Sulla pagina del sito del MIUR dedicata all'aggiornamento delle graduatorie di istituto, alla voce "Personale docente, sedi esprimibili", scorrendo la pagina e cliccando su "Vai all'applicazione".

Si deve indicare necessariamente un indirizzo Pec (posta elettronica certificata)? No, non è strettamente necessario.

A proposito delle classi di concorso da indicare alla pagina 2 del modello, dove si trovano i relativi codici meccanografici? Sono indicati nella Tabella A del Miur. I codici si distinguono in codici meccanografici ufficiali e codici meccanografici Sidi. La scelta tra le due tipologie non comporta alcuna differenza, ma per le lauree a indirizzo linguistico e musicale si invita a utilizzare i codici Sidi per specificare la lingua o lo strumento che si intende insegnare.

Nella sezione relativa al titolo di studio (pagina 4 del modello) occorre indicare tutti i Cfu conseguiti tra triennale e specialistica? Non è assolutamente necessario. Farlo non è un errore ma si rischia di complicare il lavoro della segreteria scolastica. Nell'apposito spazio basta inserire i Cfu necessari per l'accesso alla classe di concorso per la quale si richiede l'inserimento in graduatoria, consultabili nella Tabella A rilasciata dal Miur.

Cosa sono i titoli congiunti? Sono eventuali titoli che si accompagnano alla laurea specialistica, come potrebbe essere il diploma di conservatorio insieme a una laurea magistrale in scienze dello spettacolo e della produzione multimediale. La laurea triennale non è un titolo congiunto.

Dove si indica la laurea triennale? Da nessuna parte. La laurea triennale, da sola, non è un titolo sufficiente per iscriversi nelle graduatorie di istituto e non è richiesta in nessuna sezione del modello.

Se si è già calcolato quello che sarà il punteggio in graduatoria, dove occorre inserirlo? Da nessuna parte. Sarà la segreteria scolastica a calcolarlo.

Chi ha lavorato in una scuola ed è in possesso di due contratti, l'uno la proroga dell'altro, deve inserire due periodi lavorativi a pagina 11 del modello? No, trattandosi di una proroga occorre inserire un unico periodo lavorativo.

Vanno firmate e datate tutte le pagine del modulo? Non è necessario. Basta firmare e datare le pagine effettivamente compilate.

Al modello si devono allegare il certificato di laurea, gli attestati linguistici e/o informatici e i certificati di servizio? No. Laddove espressamente richiesto nell'apposita sezione relativa alle graduatorie di strumento musicale o coreutiche, occorre allegare eventuali attestati in proprio possesso.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto