Nella manovra finanziaria in vigore dal 1° gennaio è successo davvero poco per quanto riguarda le Pensioni. Le aspettative di quanti credevano in una riforma vera del sistema previdenziale sono state disattese. I conti pubblici, la stabilità del sistema e le casse dell’Inps hanno bloccato qualsiasi idea riformatrice e qualsiasi provvedimento di cambio radicale del sistema. Qualcosa si è mosso solo su misure già in vigore e per le quali si è deciso di ritoccare piccoli aspetti ma che possono risultare importanti per molti.

La categoria dei lavori usuranti è una di queste e consente ancora di andare in pensione con largo anticipo rispetto agli altri lavoratori. La pensione per i lavori usuranti consente di lasciare il lavoro a 61 anni di età con adeguamento alla speranza di vita che però, dal 2019 e fino al 2026 sarà congelata. Ecco come funziona la misura nel dettaglio.

La misura

La pensione lavoro usurante è quella possibilità di pensionarsi con requisiti agevolati prevista per i lavoratori che svolgono attività lavorative particolarmente faticose, logoranti e pesanti.

In linea generale servono 61 anni e 7 mesi di età con 35 anni di versamenti contributivi. Necessario inoltre che l’attività logorante sia stata effettivamente svolta per la metà della vita lavorativa o in alternativa per 7 degli ultimi 10 anni di lavoro. Per quest’ultimo paletto gli anni sono da calcolare a ritroso a partire dalla data di presentazione della richiesta di certificazione del diritto all’Inps.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

I lavori usuranti e notturni

La misura quindi è fruibile da quanti risultano in attività usurante che l’Inps certifica sul proprio sito ufficiale con un elenco. Si tratta di:

  • Attività nelle gallerie, nelle cave o in miniera
  • Lavoratori in attività in cassoni ad aria compressa
  • Chi lavora come palombaro
  • lavori e mansioni che espongono i lavoratori ad alte temperature, quindi forni ed altiforni, refrattaristi e addetti al lavoro in fonderia
  • addetti alla lavorazione del vetro
  • lavoratori nel campo della rimozione e della trattazione dell’amianto
  • lavoratori impegnati in produzione a catena
  • conducenti di autoveicoli per trasporto di persone superiore a 9

Alla stregua dei lavori usuranti vengono trattati i lavoratori cosiddetti notturni, considerando ore notturne quelle dalle 24:00 alle 5:00 del mattino:

  • lavori svolti di notte per tutte le sei ore e per almeno 78 notti all’anno
  • lavori svolti almeno per 3 delle canoniche 6 ore notturne però per 365 giorni all'anno

Guida alla misura

Una misura che è stata sempre collegata la meccanismo delle finestre mobili che posticipava la decorrenza della pensione di 12 o 18 mesi e che da quest’anno non sarà collegata ad alcuna finestra.

In pratica la pensione partirà dal 1° giorno del mese successivo a quello in cui si maturano i requisiti. La misura inoltre è soggetta a quote che ne differenziano le uscite per requisiti specifici di ogni singolo lavoratore. La quota altro non è che la somma dell’età anagrafica e dei contributi versati utilizzando anche le frazioni di anno. Per chi lavora meno delle 78 notti all’anno la quota da raggiungere non è 97,6 come quella degli altri soggetti in lavori usuranti o notturni per l’intero anno, ma 98,6 se si lavora di notte tra le 72 e le 77 notti all’anno.

Per periodi più brevi, tra 64 e 71 notti la quota sale a 99,6 e questa è la stessa quota necessaria per gli autonomi. In definitiva, cambiando la durata del lavoro notturno per anno di lavoro sale l’età di uscita. La domanda va presentata entro il 1° maggio dell’anno precedente a quello di maturazione dei requisiti e pertanto per quanti si trovano nella condizione di centrare quote e requisiti nel 2019, la domanda va presentata entro il prossimo 1° maggio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto