Nessun passo indietro del governo sulla riforma delle Pensioni, è il vicepremier leghista Matteo Salvini a ribadire la linea dell’esecutivo in vista della discussione sulla legge di Bilancio 2019. “Nelle prossime settimane cominceremo a smontare la legge Fornero”, ha ribadito questa sera il leader della Lega parlando della questione previdenziale nel corso del programma Dimartedì condotto da Giovanni Floris su La 7.

Pubblicità
Pubblicità

Salvini - come già aveva fatto oggi con un post su Facebook - ha ribadito ancora una volta l’impegno per modificare la riforma Fornero e introdurre la quota 100. Nel piano dell’esecutivo anche Opzione donna e quota 41 precoci, anche quest’ultima misura è stata confermata dal ministro dell’Interno ai microfoni di La 7.

Pensioni, il ministro dell’Interno ribadisce: ‘Smonteremo la legge Fornero’

La legge Fornero andrà smontata tutta, pezzo per pezzo”, ha ribadito Matteo Salvini a Dimartedì.

Pubblicità

“L’obiettivo – ha aggiunto – è quota 100 integrale. Non posso pretendere di smontare in cinque mesi quello che gli altri non hanno fatto in cinque anni. L’obiettivo è quota 100 pulita che riguarda circa 800mila persone, quota 41 pulita. E questo è il primo passo bello, sostanzioso. Quota 100 significherebbe 60 anni di età 40 di contributi, o 59 anni e 41. Queste le prime due misure, poi ci sarà il 2019, il 2020”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Salvini

Non si sa ancora con esattezza come sarà formulata la quota cento, l’esecutivo sta ancora facendo i conti, è comunque probabile che per il primo anno venga prevista con il paletto dell’età a 62 anni.

Pensioni con quota 100, Salvini: ‘Stiamo facendo i conti, siamo persone serie’

“Stiamo facendo i conti perché siamo persone serie, se ad esempio quota 100 a 62 anni di età riguarda 500mila italiani ha un costo stimato fra i 7 e gli 8 miliardi di euro, però non è un costo pulito perché al posto di quei 500mila mila che io voglio mandare in pensione perché è un loro diritto quanti altri giovani cominceranno a lavorare, a versare i contributi, ad affittare una casa, a fare il mutuo?

E quindi ti vai a coprire una parte e quindi ti vai a coprire una parte del costo. Il problema dell’Italia è che i ragazzi in questo momento si stanno ponendo il dubbio: io per andare a fare il medico, l’avvocato, l’infermiere, il cuoco, l’imbianchino, dove vado? A Berlino, a Londra, a Parigi, a New York? Così stiamo perdendo centinaia di migliaia di ragazzi che io voglio che rimangano in Italia a lavorare, a mettere su famiglia e a fare dei figli perché così il paese cresce”.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto