Le ultime novità sulle Pensioni ad oggi 1 settembre 2018 vedono crescere la tensione nei mercati in merito alle misure che saranno inserite nella prossima legge di bilancio 2019 e quindi alla sostenibilità del debito pubblico. A tal proposito, l'Agenzia di rating Fitch ha abbassato l'outlook per il nostro Paese da stabile a negativo, spiegando di aver rilevato il rischio di shock per il nostro Paese. Nel frattempo prosegue il confronto interno alla maggioranza per la redazione della legge di bilancio.

Pubblicità

Infine, dalla camera arrivano nuove dichiarazioni politiche in merito alla situazione di confusione che riguarda i provvedimenti attraverso i quali l'esecutivo giallo - verde punta a raggiungere l'equità sociale.

Riforma pensioni e legge di bilancio 2019: situazione destinata a complicarsi con la revisione di Fitch

Nella serata di ieri si è aggiunto un nuovo avvertimento dalle agenzie di rating circa la precaria situazione dei conti pubblici italiani. Ad esprimersi è stata in particolare l'agenzia di rating Fitch, che ha abbassato l'outlook del nostro Paese da stabile a negativo.

Una revisione che secondo i tecnici riflette "un grado di allentamento fiscale che lascerebbe l'alto livello di debito pubblico italiano più esposto a potenziali shock". Tra i principali fattori di rischio vi sarebbero le incoerenze nelle politiche del governo, "tra l'alto costo di attuare nuovi impegni come stabilito nella politica del 'Contratto' ed il suo obiettivo dichiarato di ridurre il debito pubblico. Non è chiaro in che modo queste tensioni politiche saranno risolte". Infine, non è mancato un riferimento alla riforma previdenziale, seppure le analisi dell'agenzia "prendono in considerazione modifiche piuttosto modeste alla riforma delle pensioni di Fornero". Insomma, in caso di grossi disallineamenti dalle regole attuali il giudizio potrebbe divenire ancora più severo.

Pubblicità

Pensioni flessibili, il pressing sul Ministro Tria per la Manovra

Nel frattempo nella maggioranza si cerca di trovare la quadra rispetto alle misure previste nel contratto di governo e quindi da inserire all'interno della prossima Manovra. Sul tavolo del Ministro dell'economia Giovanni Tria i dossier si moltiplicano; dallo stop ai rialzi dell'Iva al reddito di cittadinanza, dalla flat tax alle microimprese fino alla flessibilità previdenziale (tramite la nuova quota 100 a partire da 64 anni di età).

Un pacchetto di provvedimenti che dovrà scontrarsi con le poche risorse a disposizione. Anche per questo si può comprendere il pressing della maggioranza sul titolare del dicastero, chiamato a difendere la sostenibilità dei conti pubblici. L'obiettivo del Tesoro sarà certamente quello di preservare almeno parzialmente la legge Fornero, un provvedimento sul quale sono puntati non solo gli occhi dei lavoratori, ma anche quelli dei mercati e delle istituzioni europee. D'altra parte, trovare una soluzione utile per accontentare tutti sembra difficile, visto che puntare al ribasso sui requisiti di uscita dal lavoro rischierebbe di deludere i tanti elettori che hanno espresso le proprie preferenze anche basandosi sulla promessa di una profonda rivisitazione delle attuali regole di pensionamento.

Pubblicità

Rampelli (Fdi): grande confusione sotto il cielo giallo - verde

Nel frattempo un giudizio preoccupato sulla attuale situazione arriva anche dai Fratelli d'Italia, ed in particolare dal Vice Presidente della Camera Fabio Rampelli. Durante un intervista rilasciata per Sky Tg 24 il parlamentare ha spiegato che "l'Italia non può continuare a rimanere sotto schiaffo di Germania e Francia, non è nella natura dei popoli liberi e quindi nemmeno della nostra nazione". In merito invece all'attuale situazione economica, ha evidenziato che "dobbiamo tornare a fare le manutenzioni sulle infrastrutture, rinegoziare privatizzazioni dissennate che sono stati autentici regali a imprenditori amici, garantire l'equità sociale, a cominciare dalle pensioni, argomenti su cui c'è grande confusione sotto il cielo del governo giallo-verde".

Come da nostra prassi, restiamo a disposizione dei lettori qualora desiderino aggiungere un commento nel sito o nella pagina Facebook "Riforma Pensioni e Lavoro" in merito alle ultime novità su welfare e previdenza riportate nell'articolo.