Annuncio
Annuncio

In data venerdì 28 settembre ci sarà uno sciopero a livello europeo da parte degli assistenti di volo di Ryanair [VIDEO]. La protesta coinvolgerà anche l’aeroporto di Napoli Capodichino, dove potrebbero verificarsi dei disagi. In città, però, non sarà la sola agitazione sindacale in programma. A rendere più complicata la situazione sarà la protesta dei lavoratori delle aziende di trasporto pubblico: ANM, CTP ed EAV. Per gli spostamenti sul territorio urbano, e non solo, ci sarà il rischio di vedere autobus, metropolitana, treni e funicolari non in servizio.

Venerdì nero a Napoli per i trasporti

Il personale di ANM incrocerà le braccia per 24 ore. A proclamare questo sciopero dei lavoratori dell’azienda napoletana dei trasporti sono stati i sindacati FAISA-CONFAIL, USB e ORSA TPL.

Advertisement

Lo stop interesserà la linea 1 della metropolitana (Garibaldi-Piscinola), nonché le funicolari di Chiaia, Montesanto, Centrale e Mergellina. In aggiunta, anche tutte le linee urbane e suburbane degli autobus. Per quanto riguarderà il personale di CTP, la protesta sarà solamente di 4 ore ed interesserà la fascia 9.00-13.00 per quanto riguarda i lavoratori facente capo ai sindacati FAISA-CONFAIL e USB, mentre per quelli aderenti a FILT-CGIL, FIT-CISL e UILT-UIL incroceranno le braccia nella fascia 9.30-13.30.

Come detto precedentemente, si fermerà anche il personale di EAV. Anche in questo caso si tratterà soltanto di 4 ore di stop, ma nella fascia 19.00-23.00. A proclamare l’agitazione sono stati i sindacati FIAS-CONFAIL, ORSA TPL e RLS. A rischio il servizio delle linee Circumvesuviana, Circumflegrea e Cumana.

Advertisement

Si preannuncerà un venerdì nero per il trasporti a Napoli, con forti disagi per i cittadini e, presumibilmente, traffico in tilt per l’assenza del servizio. Negli ultimi mesi abbiamo assistito a diversi scioperi in città, l’ultimo dei quali lo scorso mese di luglio. La situazione non è ancora risolta, perciò i lavoratori hanno deciso di tornare ad incrociare le braccia. Prima di lasciarvi, vi riportiamo quali sono le principali proteste annunciate per le prossime settimane [VIDEO].

Ottobre infuocato per gli scioperi

In primo piano ci sarà lo Sciopero Generale del 25 ottobre. A fermarsi saranno categorie pubbliche e private, non soltanto nel settore dei trasporti, su tutto il territorio nazionale. Qualche giorno prima, 21 ottobre, toccherà al personale di Trenord scioperare a Milano ed in Lombardia. Nella prima parte del mese, invece, si segnalano gli stop di Italo NTV in data 6 e 7 ottobre e Roma TPL per la giornata del 12 ottobre. A questi se ne aggiungono degli altri di minor importanza, ma non è detto che nel corso delle settimane ne verranno proclamati degli altri.