È stato finalmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana il bando del concorso straordinario per la Scuola primaria e dell’infanzia. Con questa prova concorsuale verranno assegnati sia posti comuni che posti di sostegno. Ovviamente, i posti messi a concorso saranno a tempo indeterminato e tale procedura concorsuale permetterà di predisporre delle graduatorie su base regionale.

Come inoltrare la domanda di partecipazione

Secondo quanto è stato pubblicato dal Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, la domanda di partecipazione a questo concorso straordinario potrà essere inoltrata esclusivamente online.

Pubblicità

Il tempo concesso per completare queste procedure burocratiche da parte dei potenziali candidati inizierà alle ore 9:00 di lunedì 12 novembre e terminerà mercoledì 12 dicembre alle ore 23:59.

Chi può partecipare al concorso straordinario

Sempre secondo quanto reso noto dal Miur, possono legittimamente inoltrare domanda di partecipazione al concorso tutti i docenti in possesso di diploma magistrale conseguito al massimo entro l’anno scolastico 2001/2002 e che abbiano svolto, negli ultimi otto anni, due annualità di servizio specifico, anche se non svolte in maniera consecutiva.

Altri titoli abilitativi alla partecipazione al concorso sono, ad esempio, il possesso di una Laurea in Scienze della Formazione Primaria. Anche in questo caso, però, è necessario che i candidati abbiano svolto almeno due annualità di servizio specifico anche non continuative nel corso degli ultimi 8 anni.

Gli stessi requisiti fondamentali devono essere posseduti da coloro che intendono concorrere per i posti di insegnante di sostegno. Con l’aggiunta che, per questi ultimi, è necessario possedere anche il titolo di specializzazione sul sostegno.

Pubblicità

Tutti coloro, poi, che risultassero vincitori del concorso saranno tenuti a osservare un periodo di prova e di formazione al termine del quale, se lo stesso avrà esito positivo, verranno confermati come insegnanti di ruolo.

Le dichiarazioni del ministro Marco Bussetti

Il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, ha colto l’occasione della pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale per ribadire che in questo modo il Governo M5S – Lega ha rispettato gli impegni assunti con il Decreto Dignità.

In particolare si è sbloccata una situazione incresciosa che teneva bloccati diversi insegnanti. Il ministro Bussetti ha anche ricordato di aver inviato, in concomitanza con la pubblicazione di questo bando di concorso, la richiesta al Ministero dell’Economia per ottenere l’autorizzazione ad indire anche il concorso ordinario sempre per la Scuola primaria e dell’infanzia. Il contingente previsto per questo nuovo concorso dovrebbe essere di 10.183 posti suddivisi in 5.626 comuni e 4.557 di sostegno.

Pubblicità