Il tanto atteso meccanismo della Quota 100 partirà ad aprile con il sistema delle finestre a cadenza trimestrale per i dipendenti del settore privato mentre per i dipendenti della Pubblica Amministrazione si partirà a fine giugno. A confermarlo è il segretario federale della Lega Matteo Salvini al termine del Consiglio dei Ministri.

Salvini soddisfatto di Quota 100

Il vicepremier, infatti, ha espresso tutta la sua soddisfazione nell'aver portato a termine il suo scopo: garantire più flessibilità al sistema previdenziale reso rigido dalle norme approvate dalla Riforma Fornero del 2011.

Pubblicità

Dopo una lunga trattativa con la Commissione Europea il Governo giallo-verde è riuscito ad ottenere il via libera da Bruxelles ed evitare la preoccupante procedura d'infrazione contro l'Italia. A partire dal 2019, quindi, circa 315 mila lavoratori potranno accedere al pensionamento anticipato anche se dovranno attendere l'apertura della prima finestra mobile. E' questo, infatti, uno dei paletti della Quota 100 che ha introdotto l'esecutivo al fine di limitare la spesa pensionistica e diminuire il rapporto deficit/Pil fino al 2,04 % rispetto al 2,4% previsto dalla Legge di Stabilità 2019.

Per gli statali si partirà a giugno

Inoltre, tutti i potenziali quotisti non potranno cumulare i redditi da lavoro con i redditi da pensione; una misura che avrà durata uguale agli anni di anticipo rispetto alla scadenza naturale.

Non ci saranno ulteriori penalità sull'assegno previdenziale come assicura il Premier Giuseppe Conte e lo stesso Matteo Salvini il quale si ritiene soddisfatto dell'operato del Governo giallo-verde e di aver rispettato l'impegno preso con gli italiani: "Aspetto domani l'approvazione ma sono estremamente soddisfatto della possibilità che offriremo agli italiano", ha spiegato il leader leghista aggiungendo che per i dipendenti della Pubblica Amministrazione la misura in materia previdenziale partirà a fine giugno per via dell'ulteriore preavviso di pensionamento di tre mesi voluto dal ministro Bongiorno, con l'obiettivo di evitare la discontinuità amministrativa nel pubblico impiego.

Lo stesso Matteo Salvini ha poi affermato che per il blocco del turn-over sono esentati il comparto della scuola, della sanità e della sicurezza.

Pubblicità

Tuttavia, il sistema della Quota 100 resta una misura in via sperimentale e a partire dal 2022 lascerà spazio all'uscita anticipata con Quota 41, ovvero dopo il raggiungimento dei 41 anni di contribuzione a prescindere dall'età anagrafica.