Tutto pronto per il concorso per diventare direttore dei servizi generali e amministrativi (DSGA) che si svolgerà su base regionale. Infatti l'11 dicembre scorso è stato convocato il Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) allo scopo di discutere e formulare un parere in merito al concorso Dsga 2018. Chiari sono i requisiti richiesti per partecipare a tale concorso: è necessario il possesso di una laurea (Vecchio Ordinamento, specialistica o magistrale) in Giurisprudenza, Scienze Politiche, Sociali o Amministrative ed Economia e Commercio. Inoltre possono partecipare gli assistenti amministrativi con almeno tre interi anni di servizio (anche non continuativi) negli ultimi otto.

Pubblicità

I candidati potranno presentare la domanda in una sola Regione. Il Miur ha reso noti i posti disponibili per ogni Regione. La Lombardia risulta essere quella con più posti disponibili (451), seguita dal Piemonte con 221 e dall'Emilia-Romagna con 209. Tale concorso prevede un'eventuale prova preselettiva, una prova scritta e una prova orale. Vediamo maggiori dettagli riguardo la prova scritta e quella orale.

Dettagli prova scritta e orale

La prova scritta sarà divisa in due parti: la prima prevede sei domande a risposta aperta, l'altra la risoluzione di un caso concreto.

Il tempo per lo svolgimento della prova scritta sarà di 180 minuti, fermi restando tempi aggiuntivi in caso di soggetti disabili certificati. I candidati, durante lo svolgimento della prova, potranno utilizzare soltanto leggi non commentate. I candidati che supereranno la prova scritta saranno ammessi alla prova orale, che sarà volta ad accertare la preparazione professionale del candidato. Tale prova orale prevede un colloquio sulle materie d'esame, la verifica delle conoscenze TIC (tecnologie informatiche e tecnologiche) e una verifica della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura e la traduzione di un testo oltre che una breve conversazione.

Pubblicità

Il punteggio massimo attribuibile alla prova scritta, così come alla prova orale, è di 30 punti. ulteriori 10 punti saranno attribuiti sulla base dei titoli posseduti. Ogni prova risulterà superata se si raggiunge un punteggio minimo di almeno 21/30. Il punteggio finale che il candidato conseguirà è dato dalla somma della media dei voti conseguiti alle prove scritte, alla prova orale e del punteggio attribuito nella valutazione dei titoli.