Il reddito di cittadinanza è una misura proposta dal Governo per dare, nelle intenzioni dell'esecutivo stesso, speranza a tanti giovani che oggi le hanno perse. E' indirizzata a diversi tipi cittadini che sono senza lavoro per vari motivi: da quelli più istruiti a quelli che necessitano di un processo di formazione per essere inseriti o reinseriti all'interno del mercato lavorativo. Il reddito di cittadinanza è criticato da molti, fra cui il giornalista, scrittore e imprenditore Alberto Forchielli, che ha espresso a chiare lettere il proprio dissenso verso il provvedimento ed è stato protagonista di un battibecco con Francesca Sardella, giovane precaria laureata in Scienze Politiche e con un curriculum di tutto rispetto. Il vibrante scambio di opinioni è avvenuto nella trasmissione Non è l'Arena, condotta da Massimo Giletti.

Pubblicità
Pubblicità

Forchielli invita i giovani a darsi da fare

Forchielli, all'interno del suo intervento, sottolinea come, tra i suoi scritti, ci sia un libro che si chiama Muovete il c**o!. Un invito ai giovani a darsi da fare. L'adozione del reddito di cittadinanza, a suo dire, rappresenta l'esatto contrario: "E' un anti Cristo per uno che ha scritto un libro come il mio. A sembra tanto una manovra per appoggiare il c**o".

Pubblicità

Il reddito di cittadinanza può anche uno strumento per lenire momentaneamente la frustrazione di chi è già qualificato e magari per acquisire nuove competenze.

'Non studiate scienze politiche o giurisprudenza'

Ed è proprio in questa direzione che probabilmente si inquadra il pensiero di Francesca Sardella, che con tono abbastanza infastidito replica a Forchiellii: "Ho due lauree, due master, parlo correntemente due lingue.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Perché umiliarmi con dei lavoratori che sono poco retribuiti?". A quel punto il giornalista-imprenditore le pone una domanda: "Tesoro, scusa cosa hai studiato?". "Io - replica Sardella - sono laureata in Scienze Politiche, specializzata in Relazioni Internazionali e ho lavorato in Europa". La contro-replica di Forchielli è senza peli sulla lingua: "Ho passato anni a dire ai ragazzi di non studiare Scienze Politiche perché si rimane a casa.

Ho speso anni a spiegare ai ragazzi di non farlo e di non studiare Giurisprudenza". Inevitabile sottolineare come sui social si sia scatenata una vera e propria bufera nei confronti di parole che si scagliano contro la scelta accademica di migliaia di giovani che difendono la loro passione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto