Il Consiglio dei ministri presieduto dal premier Giuseppe Conte ha dato il via libera al decreto che attua il reddito di cittadinanza e la Quota 100, sul fronte delle Pensioni varata anche la norma che prevede la proroga del regime sperimentale di Opzione donna. La pensione anticipata a 62 anni con 38 anni di contributi per superare la legge Fornero e il sussidio a chi è disoccupato con possibilità di formazione e di trovare un lavoro sono due delle misure simbolo del governo composto dalla Lega e dal Movimento 5 stelle, rispettivamente guidati dai vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio che hanno illustrato insieme al presidente del Consiglio le novità in arrivo con il decreto varato oggi dal Cdm.

Pubblicità

Pensioni anticipate a 62 anni con 38 anni di contributi: via libera a Quota 100

Si tratta di ‘’una tappa fondamentale – ha detto il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa - per questa esperienza di governo. Sono due misure – ha aggiunto facendo riferimento alla Quota 100 e al reddito di cittadinanza - che non rispondono a estemporanee promesse elettorali ma costituiscono – ha sottolineato - un progetto di politica economica sociale di cui questo governo va fiero’’. Il premier ha dato anche qualche numero nel corso della conferenza stampa di oggi a Palazzo Chigi prima di passare la parola ai due vicepremier che hanno invece illustrato nel dettaglio i provvedimenti utilizzando delle slide, Di Maio ha illustrato il reddito di cittadinanza, Salvini la Quota 100.

"E' un progetto - ha detto il presidente del Consiglio parlando delle due misure - che riguarda cinque milioni di persone che si trovano in povertà e un milione di persone – ha evidenziato Conte - che potranno andare nel triennio in anticipo in pensione".

Matteo Salvini: ‘Pensioni anticipate con Quota 100 senza tagli e penalizzazioni’

"Non c'è – ha ribadito oggi il vicepremier leghista parlando delle pensioni con Quota 100 - nessuna penalizzazione e nessun taglio”. Così il leader della Lega ha sgomberato il campo dagli equivoci e dalle indiscrezioni diffuse dalla stampa nelle ultime ore prima della definizione del decreto che ha visto la luce oggi.

Pubblicità

“Sarà – ha sottolineato Salvini - una libertà di scelta". Il vicepremier ha spiegato che è stata prorogata anche la soluzione Opzione donna per il prepensionamento rosa e che sulle pensioni la partita è appena cominciata. “L'obiettivo – ha sottolineato - è quota 41”. Intanto, tra le novità in arrivo con il decreto di oggi per i lavori precoci, la non applicazione degli adeguamenti alle speranza di vita. “La Fornero – ha aggiunto ancora Salvini ricordando le lacrime dell’ex ministro del Lavoro - si prepari a piangere ancora”.