Sono arrivate a circa 55 mila le istanze presentate per accedere al pensionamento anticipato con Quota 100, la nuova misura in materia previdenziale voluta dalla Lega che consente di uscire dall'attività lavorativa dopo il raggiungimento di almeno 62 anni di età anagrafica unitamente ai 38 anni di versamenti contributivi.

I sindacati chiedono Quota 41 e tutela per gli esodati

Intanto, il cosiddetto decretone entrato in vigore lo scorso gennaio è ancora in esame al Parlamento dove sono arrivati più di 1.500 emendamenti presentati dalle varie forze politiche di cui 43 proposte di modifica inerenti al reddito di cittadinanza sono state presentate dalla Lega.

Pubblicità

Mentre si attende il passaggio del maxi decreto unico alla Camera e la conversione definitiva in legge, i sindacati continuano la loro battaglia al fine di superare in via definitiva la tanto odiata Riforma Fornero introdotta nel decreto Salva Italia del 2011. Cgil, Cisl e Uil, infatti, continuano il loro pressing all'esecutivo giallo-verde per giungere ad un accordo al fine di cambiare il sistema lavorativo e previdenziale dell'Italia.

Tra le richieste della piattaforma unitaria stipulata fra le parti sociali, infatti, vi è anche quella riguardante il superamento della Riforma Fornero con il meccanismo delle quote a partire dai 62 anni di età anagrafica con la possibilità di introdurre la possibilità di anticipare l'uscita dopo la maturazione del requisito contributivo a 41 anni a prescindere dall'età anagrafica; una possibilità che dovrebbe essere estesa a tutte le categorie di lavoratori.

Inoltre, si chiede anche la pensione di cittadinanza per le giovani generazioni che molto spesso svolgono lavori discontinui oltre al riconoscimento dei lavori di cura ai fini contributivi. Stando a quanto affermato dalle stesse organizzazioni sindacali, il Governo dovrebbe iniziare a lavorare al fine di tutelare le attività considerate particolarmente faticose e gravose e gli esodati rimasti esclusi nelle precedenti misure di tutela.

Oltre 50 mila domande presentate per Quota 100

Stando a quanto reso noto dall'Istituto Nazionale di Previdenza Sociale circa 19.835 sono le domande presentate dai dipendenti appartenenti al settore privato mentre altre 18.271 sono le istanze inoltrate dai dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Pubblicità

Si tratta di una fascia di età compresa fra i 63 e i 65 anni mentre alcune delle istanze riguardano i lavoratori over 65 anni. Tra i paesi con maggiori afflussi, vi sono la Sicilia con circa 5.559 istanze presentate, la Campania con 5.181 domande e a seguire la Puglia, la Calabria, la Basilicata e il Molise. Tra le regioni del Nord, invece, in cima alla classifica c'è Roma con circa 4.092 istanze pervenute e Milano con 2.027 domande.