Ancora novità dal decretone in esame alla Commissione Lavoro alla Camera che sta ultimando l'iter parlamentare per poi passare al Senato per il via libera definitivo e la successiva conversione in legge. Come ormai molti sanno, l'emendamento sugli esodati è stato bocciato per via della mancanza di risorse finanziarie.

Ok dalla Camera al riscatto degli anni di laurea

Intanto, molte proposte presentate dalle varie forze politiche sono state approvate: dal riscatto degli anni di laurea, alla corresponsione della pensione di cittadinanza in contanti, agli accordi raggiunti con le regioni per l'assunzione dei navigator e all'estensione del cosiddetto reddito di cittadinanza a favore delle famiglie con disabili.

Pubblicità
Pubblicità

Stando a quanto riporta il quotidiano economico "Il Sole 24 Ore", infatti, tra gli impegni rispettati dai partiti di maggioranza rientrano numerose misure riguardante i disabili, il riscatto agevolato degli anni di laurea per il quale è stata prevista l'abolizione della soglia dei 45 anni di età anagrafica e l'innalzamento fino a 45 mila euro per la liquidazione del Trattamento di Fine Servizio a favore dei dipendenti della Pubblica Amministrazione.

Pubblicità

Bocciata la norma salva-esodati

Si conclude con un nulla di fatto, invece, l'emendamento riguardante la norma salva-esodati che avrebbe garantito il pensionamento anticipato a migliaia di lavoratori che hanno dovuto fare i conti con le rigide norme dettate dalla Legge Fornero. Nel decretone è stata rivista anche la scala di equivalenza per il calcolo dell'Isee che è passata da 2,1 a 2,2 che consente alle famiglie con disabili di ricevere 50 euro in più di pensione di cittadinanza fino ad un massimo di 1.300 euro mensili.

Novità anche per il riscatto agevolato degli anni di laurea; un beneficio che viene esteso anche agli over 45enni fermo restando il limite temporale del 1996.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

I beneficiari, ovvero coloro che sono privi di anzianità contributiva al 31 dicembre 1995, pertanto, potranno fruire della detrazione pari al 50%.

Stando a quanto riportato da "Skytg24", inoltre, è stata eliminata la finestra temporale di tre mesi per tutti coloro che svolgono mansioni particolarmente faticose e si accingono a richiedere l'anticipo pensionistico attraverso lo strumento dell'Ape Sociale o con il sistema della Quota 41.

Prevista anche l'assunzione di circa 3.000 navigator che si occuperanno di inserire in un percorso di formazione i beneficiari del cosiddetto reddito di cittadinanza.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto