Arriva un importante aggiornamento in merito al reddito e alle Pensioni di cittadinanza. Negli scorsi giorni vi abbiamo infatti segnalato la temporanea sospensione riguardante l'invio delle pratiche, dopo che l'approvazione parlamentare del decretone aveva reso indispensabile intervenire sulla modulistica per apportare i necessari correttivi. A tal proposito, l'Inps ha reso noto di aver provveduto ad inserire all'interno del proprio sito i nuovi modelli, in modo da rendere nuovamente operativo l'Iter applicativo per i cittadini potenzialmente interessati dai nuovi assegni di welfare.

Pubblicità

Pensioni e RdC: cosa cambia con i nuovi moduli

Entrando nel dettaglio della vicenda, la nuova versione della modulistica ingloba gli interventi correttivi decisi in sede parlamentare, aprendo quindi a requisiti di accesso più semplici per le famiglie al cui interno sono presenti disabili. Si pensi, ad esempio, ai differenti criteri di valutazione della situazione patrimoniale, con un incremento degli accantonamenti mobiliari per ogni persona disabile a 7500,00 euro (da un tetto massimo che in precedenza si fermava a 5000,00 euro).

Nei moduli rientra anche il nuovo aggiornamento riguardante il caso dei richiedenti stranieri, che saranno chiamati a documentare tramite un'apposita certificazione del proprio Paese di provenienza lo stato di famiglia. Il materiale dovrà inoltre essere tradotto in italiano, nonché certificato tramite le autorità consolari di riferimento.

Nessuna penalizzazione con lo stop temporaneo alle domande

L'arrivo dei nuovi moduli era atteso a breve dai cittadini, visto che di fatto la possibilità di inoltrare nuove domande di accesso agli assegni di welfare risultava sospesa sia direttamente presso gli sportelli dell'Inps che indirettamente, tramite l'attività di assistenza fornita dai Caf e dagli Uffici di Poste Italiane.

Pubblicità

In ogni caso, il Ministero del Lavoro aveva già chiarito in precedenza che la dovuta sospensione (necessaria per adeguare le procedure all'aggiornamento legislativo) non avrebbe comunque comportato alcuna penalizzazione per i potenziali richiedenti. Questo perché con la fine del mese di marzo si era chiusa la possibilità di ottenere il primo assegno a partire dal mese di aprile, mentre tutte le nuove richieste inoltrate nel mese corrente comporteranno in caso di accettazione la liquidazione delle nuove pratiche a partire da maggio.

Per chi desiderasse consultare i nuovi moduli, è possibile effettuare il download direttamente dal sito dell'Inps seguendo il percorso "prestazioni e servizi", "Tutti i moduli" e cliccando poi su "prestazioni a sostegno del reddito". La modulistica è quindi scaricabile sotto la voce "RdC/PdC - Domanda di Reddito di Cittadinanza / Pensione di Cittadinanza".