Sul concorso nel Ministero della Giustizia per 5410 posti a tempo determinato arrivano delle importanti novità. Infatti, come già fatto trapelare un mese fa, le prove del bando per 5410 diplomati e laureati si terranno verso la fine di giugno. Il 3 giugno è infatti stato pubblicato sul profilo Facebook del Ministero della giustizia un avviso con il quale è state ufficializzata tale notizia. Si ricorda che i posti del presente bando sono così suddivisi:

  • 3750 diplomati fra cui : 280 IT junior, 400 addetti alla contabilità junior, 70 addetti all'edilizia junior, 3000 operatori data entry;
  • 1660 laureati fra cui: 200 per addetti contabilità senior, 40 statistici,180 per IT senior,150 per addetti all'edilizia senior, 1.060 tecnici di amministrazione, 30 analisti di organizzazione;

Inoltre si tratta di un bando su base distrettuale, dove occorre scegliere il distretto d'interesse.

Quindi ne consegue che vincitori saranno immessi anche presso la sede della Corte di Cassazione e le varie sedi dei Distretti delle Corti di Appello presenti in tutte le regioni italiane. Le immissioni in servizio quindi potrebbero avvenire già dopo l'estate.

Concorso 5410 posti per diplomati e laureati, prove a giugno dopo la valutazione dei titoli

Il bando prevede due fasi: una valutazione dei titoli; e una prova scritta unica. Potrebbe inoltre avvenire che nello stesso giorno siano pubblicate sia la lista degli ammessi a sostenere le prove, che le date delle stesse. La valutazione dei titoli, distinta per i codici di concorso è effettuata sulla base dei titoli dichiarati dai candidati al momento della domanda di ammissione al concorso.

I titoli di cui il candidato richiede la valutazione devono essere posseduti alla data di scadenza del termine di presentazione della domanda di cui al presente bando.

La valutazione titoli per diplomati ricomprende anche la presenza di un titolo di laurea.

Prova scritta: tutti i dettagli

Per quanto riguarda la prova scritta si utilizzerà Il Pc e le piattaforme digitali, per i concorsi pubblici inoltre è stato stilato un nuovo protocollo Covid.

La stessa potrebbe tenersi presso sedi decentrate e con più sessioni consecutive non contestuali. Quest'ultima consiste nella risoluzione di 40 quiz a risposta multipla dove viene data a disposizione un'ora che verteranno su specifiche materie. Detta prova è riservata a un numero massimo di partecipanti pari a 20 volte il numero dei posti a concorso per ogni codice di concorso e per ogni profilo.

La prova si intende superata conseguendo il punteggio minimo di 21/30. A ciascuna risposta è attribuito il seguente punteggio: risposta sbagliata: - 0,375 punti, risposta esatta: + 0,75 punti; mancata risposta: 0 punti.