Da lunedì 28 novembre, NoiPa ha cominciato a inserire le emissioni ordinarie del personale docente, riguardanti il mese di dicembre. In particolare, la mensilità ordinaria è visibile nell’area personale degli insegnanti, insieme alla tredicesima mensilità. I primi a visionare l’importo sono stati i docenti assunti con contratto a tempo indeterminato, pian piano però stanno comparendo tutte le informazioni necessarie anche al resto dei docenti. La procedura sarà graduale e si completerà nelle prossime ore. Ma quando arriverà lo stipendio? Quando saranno caricati invece gli arretrati dovuti?

Le tempistiche degli accrediti di dicembre per il personale docente

Per quanto concerne le tempistiche di accredito delle emissioni, bisogna sottolineare che l’emissione ordinaria comprensiva di tredicesima mensilità avverrà giovedì 15 dicembre per i docenti. Gli arretrati dovuti al personale scolastico, secondo quanto riporta il contratto Scuola, sono dovuti dal 1° gennaio 2019 fino ad oggi. Questa seconda emissione straordinaria avverrà separatamente dalla prima, con un cedolino a parte e una tempistica diversa. Anche se non si conosce ancora la data esatta dell'emissione degli arretrati, questi ultimi dovrebbero essere accreditati a fine dicembre a ridosso del periodo natalizio.

L’importo degli arretrati e a chi spettano

L’importo degli arretrati varierà in base al grado di scuola in cui lavorano i docenti e agli anni di effettivo servizio prestato dagli stessi. Sul web sono presenti più tabelle che indicano gli importi precisi per fasce di anzianità di servizio. Ricordiamo che non bisogna presentare alcuna domanda per l’accredito degli arretrati e che l’accredito riguarda sia il personale scolastico a tempo indeterminato sia quello con contratto al 31 agosto o al 30 giugno nel periodo considerato, ma anche il personale scolastico in pensione.

Per gli insegnanti che hanno avuto contratti di supplenza temporanea l’accredito potrebbe non essere immediato.

Non tutto il personale scolastico percepirà il bonus di 150 euro

Il bonus di 150 euro, invece, non riguarda tutto il personale scolastico ma solo una parte dei docenti e del personale Ata con redditi annuali non oltre i 20mila euro.

Hanno diritto al bonus, infatti, i lavoratori dipendenti con un rapporto di lavoro a novembre e retribuzione imponibile non superiore a 1.538 euro. L’accredito del bonus, con emissione speciale rientrante nel Decreto Aiuti Ter, è previsto per oggi 29 novembre 2022. Anche in questo caso il pagamento non è incluso nel cedolino mensile ma è versato con una emissione a parte.