Gli episodi di bullismo aumentano nel 2015 e alcuni finiscono anche tragicamente, ma non è questo il caso.  Due ragazzi ventunenni salentini,  Riccardo Cassone e Edoardo Tauro, sono stati arrestati per aver più volte maltrattato un tredicenne affetto da disabilità psichica. Teatro di questa barbarie è un piccolo comune del #Salento.

Le molestie nei confronti del ragazzo erano iniziate nell'aprile del 2014. I due si divertivano a schernire e deridere il ragazzo disabile con appellativi come 'mongoloide' e 'handicappato'. Il tutto accadeva più volte nel corso dei mesi, inoltre gli era stata sottratta la bici e un cellulare.

La vittima veniva spesso intimorita con sguardi intimidatori e minacce di ripercussioni nel caso in cui avesse parlato con qualcuno delle angherie a cui era sottoposto e la paura per la sua stessa incolumità personale avevano portato il ragazzino a rinchiudersi in sé stesso e a non voler uscire più di casa.

L'episodio peggiore è accaduto il novembre scorso quando i due bulli se la son spassata legando il malcapitato ad un cancello dopo averlo costretto a seguirli con la forza e condotto in un luogo isolato del piccolo comune salentino. Il ragazzino disabile è stato legato con una catena di metallo, è stato sottoposto ripetutamente a schiaffi e, nonostante le suppliche, si sono rifiutati di liberarlo. Inoltre avevano messo le chiavi del lucchetto vicino a lui, incitandolo a prenderle affinché si liberasse, ma nel momento in cui il ragazzino provava a prendere le chiavi, i due bulli gli urinavano su mani e gambe. Il tutto è continuato per circa un'ora mentre il tragico episodio veniva filmato per essere successivamente fatto vedere ai loro amici.

I migliori video del giorno

La madre di una ragazzina che ha visto il video ha subito riconosciuto il ragazzo e ha mostrato il filmato dell'accaduto alla dirigente scolastica che ha denunciato i due ragazzi teppisti. Il giudice per le indagini preliminari, preso atto della richiesta formulata dal sostituto procuratore Angela Rotondano, ha disposto per i due maggiorenni la misura degli arresti domiciliari. Un altro ragazzo minorenne è stato denunciato in stato di libertà. #bullismo #Lecce