Corrado Liguori, Vicepresidente del Lecce, è senza dubbio uno dei dirigenti di calcio più "social" del momento. Non soltanto Liguori posta numerose notizie sulla sua squadra del cuore e interagisce spesso con i tifosi giallorossi, ma ha aperto anche una rubrica apprezzatissima dai tifosi salentini, intitolata "spazio alle domande dei tifosi". Liguori apre la sua rubrica ogni martedì e risponde a tutti sulla sua pagina facebook. L'entusiasmo a Lecce è tanto e lo si nota anche dalle decine di domande che vengono rivolte nella rubrica. Il Vicepresidente si lascia andare, facendo trapelare spesso informazioni importanti.

Gli argomenti più importanti

Curva Sud: L'apertura della Curva Sud resta la priorità.

Liguori ha risposto a tutte le domande con entusiasmo e ha spiegato che la data del 30 Ottobre (quando si giocherà Lecce- Foggia) resta l'obiettivo per riaprire la cara vecchia Curva Sud. Senza dubbio sarebbero migliaia i tifosi che apprezzerebbero questo gesto. La domanda che ora sorge spontanea è la seguente: chi vorrà "emigrare" dalla Curva Sud alla Curva Nord, come dovrà fare? Forse si attuerà un cambio di abbonamento a campionato in corso, ma è soltanto una delle ipotesi. Liguori si è però lasciato sfuggire: "è una concreta possibilità riaprire la Sud il 30 Ottobre".

Tiratori dei calci piazzati: Numerose domande erano rivolte alla questione "calci piazzati": Liguori ha spiegato che non c'è stato alcun battibecco. Il vicepresidente, ad un tifoso che chiedeva spiegazioni, ha risposto così: "Abbiamo diversi buoni tiratori quest'anno. Chi è uomo di sport sa che spesso dipende dalle sensazioni che ognuno ha in quel momento.Vi assicuro che tutto avviene simpaticamente!" Insomma, è una questione tecnica e Liguori non entra in merito, ma tiene a spiegare che non ci sono litigi per il ruolo di tiratore.

I migliori video del giorno

Piedi per terra: tanti i paragoni con il Foggia, che ha attualmente 15 punti, frutto di 5 vittorie su 5. Liguori dispensa calma e dice di restare con i piedi per terra. Inoltre, il Vicepresidente spiega: "Il Foggia è una buona squadra che ha mantenuto invariata buona parte dell'organico dello scorso anno e quando ciò accade , il vantaggio è quello di partire forte. Noi abbiamo cambiato tutto e avevamo messo in conto una partenza fisiologicamente in salita, invece siamo già su!" Insomma, tanta soddisfazione, ma anche umiltà, come del resto ha sempre fatto questa società salentina.