La Lega Pro e le scommesse: ancora un altro caos sconvolge la terza categoria professionistica del calcio italiano. L'Unità informativa Scommesse Sportive del Ministero dell’Interno starebbe controllando la situazione non solo relativa a Parma- Ancona, ma anche ad un'altra gara. Si tratta di un match del girone C: Fondi- Messina, secondo quanto si apprende da agipronews. Pare che sul match ci siano state delle giocate particolari che sono state segnalate ovviamente anche alla Procura Federale.

Per Parma- Ancona le discussioni sono state tante. Dopo un articolo apparso su "Il Mattino" in cui si spiegava che un intero paese in Campania aveva vinto dopo aver scommesso lo 0-2 insperato dell'Ancona (ultimo in classifica) in casa del Parma, c'è stata la reazione rabbiosa della squadra che ha tuonato che nessuno si è venduto la gara.

Il Parma è in un momento delicato e lo si nota dal fatto che i toni sono stati alti durante la conferenza stampa con capitan Lucarelli che ha reagito male alle domande di un giornalista [VIDEO]. Nell'articolo si riportava anche di persone che avevano giocato metà della loro pensione sulla vittoria dell'Ancona e di giovani che erano arrivati a scommettere centinaia di euro sul risultato esatto.

Il match del girone C

Secondo quanto riportato da itasportpress, per Fondi- Messina le anomalie sarebbero state su una scommessa che viene poco giocata di solito dagli scommettitori: il gol di una delle due squadre nel primo tempo. A quanto pare, in tanti avrebbero giocato il gol dei rossoblù nel primo tempo, quotato a 2.10. Circostanza che si è effettivamente verificata, visto che il Fondi è andato a segno nel primo minuto della partita, poi finita con il punteggio di 1-1.

Pare comunque che questa scommessa non abbia attirato grossi volumi di denaro. Insomma, altre indagini sembrano pronte a partire per alcuni match di Lega Pro dopo quelle già iniziate su ben 10 gare del Messina [VIDEO].

Prossimo turno: due promozioni vicine

Il Foggia in questo turno potrebbe raggiungere la promozione in Serie B. Basterebbe che i rossoneri vincessero contro la Reggina e il Lecce perdesse sul difficile campo di Matera. Basta un solo punto per festeggiare, invece al Venezia nel girone C. Essendo a più 11 dal Parma, secondo, la squadra veneta ha un netto vantaggio e ha buone possibilità di festeggiare la vittoria del campionato già domani. Nel girone A, ieri si è verificato un ribaltone: la Cremonese ha vinto a Prato ed ha superato l'Alessandria fermata sul pareggio.