Il bollo auto 2016 è probabilmente una delle imposte meno apprezzatedagli automobilisti italiani. Questa grava su tutti i proprietari di autovetture all'interno dei confini del nostro paese. Questa quindi va pagata anche quando il mezzo non lo si usa, per il semplice motivo che lo si possiede. I casi di esenzione dal bollo auto nel nostro paese sono molto rari. Questi riguardano principalmente le auto totalmente elettriche, quelle utilizzate per il trasporto di disabili e le auto storiche con almeno 30 anni. Infatti fino ad un paio di anni fa l'esenzione dal bollo auto riguardava tutte le auto storiche sopra i 20 anni, adesso invece il governo di Matteo Renzi, con la legge di stabilità approvata a dicembre 2014, ha tolto l'esenzione dal bollo per questo tipo di veicolo, che dunque adesso va pagato dai rispettivi proprietari, al pari di quanto accade con ogni normale automobile.

Come calcolare il bollo auto 2016

Alle auto storiche sopra i 20 anni ma sotto la soglia dei 30, viene fatta un'unica concessione. Queste infatti in talune regioni hanno diritto ad uno sconto del 10% sulla somma da pagare, ma solo nel caso in cui siano iscritte in appositi registri regionali tenuti dalle Asi locali o dall'Aci, che ne attestino il valore storico. Insomma a parte questi casi specifici il bollo auto 2016 va pagato da tutte le vetture presenti in Italia. L'importo non è uguale per tutti, questo infatti varia in base alla potenza del motore. L'importo può essere facilmente calcolato, basta moltiplicare per 2,58 euro ogni kw di potenza del motore della propria auto. Ma è ancora più facile conoscerlo attraverso il sito dell'Agenzia delle Entrate, che da ormai molto tempo ha messo a disposizione degli utenti un servizio, che permette di sapere all'istante, che somma va pagata per la propria auto.

Ecco dove pagarlo

Per quanto riguarda il pagamento del bollo auto 2016, questo può avvenire in vari modi. Si può pagare direttamente recandosi all'Aci, oppure si può andare da uno dei molti tabaccai abilitati ai servizi di Lottomatica o convenzionati con ITB. Inoltre si può pagare anche attraverso il circuito ATM Bancomat, oppure direttamente su internet mediante lo stesso sito dell'Agenzia delle Entrate e dell'Aci.

Gli utenti possono anche utilizzare i servizi di Home Banking che molti istituti bancari offrono. Nel caso di mancato pagamento del bollo è prevista una sanzione che può arrivare fino al 30% dell'importo da pagare. Il mancato pagamento del bollo si prescrive in 3 anni dal momento in cui si sarebbe dovuto pagare.

Segui la nostra pagina Facebook!