Per Fiat Chrysler Automobiles le cose vanno bene negli Stati Uniti in agosto. Le vendite segnano un incremento rispetto allo stesso periodo dello scorso anno pari al 3%. Si tratta di un risultato molto buono che fa ben sperare per il proseguimento di questo anno. Le immatricolazioni complessive passano dalle 190,887 di agosto 2015 alle 196,756 di agosto 2016. Insomma si tratta di un risultato che nel so complesso è molto positivo. Entrando maggiormente nel dettaglio però ci accorgiamo che questo risultato non è omogeneo per tutti i brand del gruppo italo americano diretto dal numero uno, l'amministratore delegato Sergio Marchionne.

Infatti vi sono alcuni marchi che possono sorridere con in testa Jeep altri invece che hanno subito in questo mese di agosto 2016 un vero e proprio tracollo.

Crescono bene Jeep, Ram e Dodge

Tra i brand di FCA che sorridono troviamo Jeep, Ram e Dodge. Tutti questi tre marchi americani crescono nel mese di agosto e in maniera piuttosto netta. Ancora una volta prima della classe si rivela Jeep, la celebre casa automobilistica a Stelle e Strisce riesce a crescere rispetto a 12 mesi fa del 12%. Il veicolo che ha ottenuto l'exploit più grande in questo mese per la casa americana è stato Jeep Cherokee che cresce del 41% rispetto ad agosto 2015. Ben 5 dei 6 veicoli a marchio Jeep presenti sul mercato americano hanno incrementato le proprie immatricolazioni rispetto ad un anno fa.

Molto bene anche Dodge e Ram, con la prima che cresce del 5% e la seconda del 2%.

Molto male Fiat e Chrysler

Molto male invece FIAT e Chrysler. La principale casa automobilistica italiana, presente sul mercato con la nuova Fiat 124 Spider, Fiat 500, 500X e 500L vede diminuire le sue vendite del 21%. Si tratta di un crollo clamoroso e inaspettato, nonostante le 460 unità vendute dalla 124 Spider al secondo mese di presenza negli Usa.

Molto male anche Chrysler che inaspettatamente e a differenza delle altre case americane di Fca perde il 22%. Insomma un segnale non tanto buono per la casa italiana.