Associazione per delinquere, furti e rapine aggravate. Sono queste le accuse che pendono sui componenti dell'associazione per delinquere, ritenuta responsabile di diversi furti, in uno dei quali venne uccisa un'anziana donna. Le indagini sono partite dalla Procura di Napoli e le ordinanze di custodia cautelare sono state eseguite dai carabinieri della Compagnia di Casal di Principe. Una maxi operazione che "schioda" dal territorio una banda armata responsabile di furti ed azioni illegali.

Pubblicità
Pubblicità

Gli arrestati sono nove: Lettieri Maria Domenica, Branni Ivan, Nappello Pietro, Xheli Besim, Capozzi Ergemiro Alessio, Fazzone Antonio, Paudice Rosario, Pinto Vincenzo e Ferrara Ciro.

L'attività d'indagine

L'indagine condotta dagli uomini dell'Arma dei Carabinieri è partita nel 2012. Intercettazioni telefoniche, appostamenti e controlli, hanno confermato l'ipotesi di una reale esistenza di diverse associazioni per delinquere, legate tra loro con una apposita suddivisione dei ruoli.

I nove indagati sono ritenuti responsabili di una serie di crimini. Si tratta di rapine eseguite in diversi Comuni della Provincia di Caserta come Castel Volturno, Alvignano e Calvi Risorta. Nel mirino dei malviventi c'erano sale scommesse, tabaccherie, esercizi commerciali e, soprattutto, abitazioni in cui vivevano persone anziane. In una di queste rapine perse la vita Antonietta Gigante, la quale nel 2013 fu brutalmente uccisa dai malviventi che l'aggredirono.

Pubblicità

L'organizzazione criminale

Di tutti gli episodi delittuosi verificati, i primi cinque, secondo le indagini, sono riconducibili allo stretto legame tra sei dei nove indagati. Gli altri crimini, invece, sono stati eseguiti grazie all'appoggio di bande criminali satellite, specializzate in furti e rapine ai danni di sale giochi, bar e tabacchi. Dalle indagini si sono potuti constatare almeno otto furti commessi in diverse zone. Per ognuna di queste rapine si parla di un bottino di migliaia di euro.

Le ordinanze di custodia cautelare sono state notificate a sette persone libere e a due già in carcere

Leggi tutto