Le Ferrovie Appulo Lucane dal 1915 collegano il capoluogo pugliese alla vicina Basilicata. Sono molto usate, sia dai pendolari che sirecano a Bari per studiare o lavorare, sia da quei turisti che giunti a Bari,desiderano arrivare via treno ad Altamura, Gravina in Puglia, Matera e Potenza.

La primacittadina, partendo da Bari, in cui i convogli effettuano una fermata, èModugno, che rientra nella fascia 10 km,la cosiddetta area metropolitana di vitale importanza socio-economica.

Franco Rosi,33 anni, abitante a Modugno, impiegato, è un abbonato alle Fal che si recaquotidianamente a Bari.

Mi comunica diesserlo da circa un decennio e di aver assistito, in questo periodo aquotidiani ritardi di questi treni. In particolare dice: `` I ritardi vanno da un minimo di 10 minuti,ad un massimo di mezzora, con picchi che alcuni giorni hanno persino toccatol'ora ``.

Afferma,come è ovvio, che a causa di questi ritardi, ha subito numerosi disagi ma anchedi non aver sentito mai parlare di rimborsi o risarcimenti. Inoltre, non sono stati dati mai avvisi espiegazioni da parte delle Fal ( per quel, che lui ne possa sapere, in qualitàdi utente ).

Se i treniritardano, si subisce un disservizio comportante un danno economicoquantificabile che sarebbe giusto risarcire. Inoltre la trasparenza e lacorrettezza, di chi deve assolvere, al non sempre facile compito di renderepossibile e agevole la mobilità delle persone, sarebbe il minimo dovuto.

Occorreprecisare che in Italia, tutte le aziende di trasporto, dovrebbero avere una "Carta dei Servizi" in cui sono illustrati gli standard minimi ed elencanodiritti- doveri dei passeggeri e dell' azienda. Le Fal, non avrebbero ancora sottoscritto e resooperativa la procedura di conciliazione fra azienda e passeggero, perqualsiasi controversia dovesse sorgere.

Quindi, chiunque vuole rendereeffettivi i propri diritti, nei confronti delle Fal, deve rivolgersi al giudice,affrontando le scoraggianti e onerose lungaggini burocratiche italiane.

Eppure, loslogan delle Fal dell' anno scorso recitava cosi`: "Stiamo bruciando le tappe".

E` utilesapere, che però, in alcuni convogli delle Fal, esistono indirizzi e recapiti dove i passeggeri possono far pervenire le loro comunicazioni, reclami esuggerimenti.

Sarebbe importante che i cittadini, si avvalessero di questodiritto, in quanto si avvierebbero,attraverso lo scambio reciproco di informazioni, quei miglioramenti che ora si rendonoindispensabili, per la comunità tutta ma che pero` tardano ad arrivare. Anzi,negli anni 2011-2012 era anche atteso l' Ufficio Relazioni con il Pubblico che però non sarebbe stato mai attivato.

Da alcunimesi, sono in servizio, inspiegabilmente solo nelle ore di minor utilizzo, dei nuovi convogli. Precisamente quattro, dei 17 in consegnaalle Fal entro il 2013.

Questo è positivo,dal momento che obiettivamente, la fatiscenza dei treni che si protrae dadiversi decenni, sta rendendo le Fal e la intera comunità della "Terra di Bari", reciprocamente legate e passibili di critiche e denigrazioni a livello regionale, nazionale ed europeo.