Il Natale è peril Papa speranza e tenerezza, ma c'èanche il pensiero di sofferenza per i bambini e la fame nel mondo. Papa Francesco neisuoi interventi pubblici ha evidenziato le molte questioni quali, il rapportocon le altre religioni, il matrimonio e la famiglia, la riforma della Curia,l'organizzazione del prossimo Sinodo e la relazione della Chiesa con laPolitica.

Nel suo primo Natale da vescovo di Roma, Papa Francescoracconta di quanto sia splendido incontrarsi con Dio che conduce il suo greggee gli sta sempre vicino.

Nel tempo del Natale ci sono il "mistero della consolazione"e la pace per i cuori della gente. Per Papa Francesco il Natale è "contemplare la visita di Dio al suo popolo"con due messaggi sui quali riflettere: tenerezzae speranza, per sapere doveandare come cristiani e come Chiesacalda. Il Papa afferma di avere paura "quandoi cristiani perdono la speranza e la capacità di abbracciare e accarezzare"perché in questo modo non apprezzano il mistero della "condiscendenza divina".

Il Papa, nei suoi interventi auspica per il cristiano ditornare a riscoprire la capacità dicomprendere e ricevere la gioia e il dono che si manifesta nella festivitàdel Santo Natale. Soffermandosi sulla questione della fame nel mondo, osservache se tutti noi riuscissimo a coordinarci con le forze in campo per "non sprecare, riciclare il cibo, la fame nelmondo diminuirebbe di molto". Per il Papa, molto impegnato nei suoi compiticome custode della Chiesa, la strada utile è formata perseguendo "l'amicizia,il lavoro comune e pregare per l'unità".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Papa Francesco

Per PapaFrancesco l'unità dei cristiani è una priorità ed è una grazia che si devechiedere. Nella convinzione del Santo Padre vi è il fermo proposito di iniziareogni riforma "sempre con iniziativespirituali e pastorali prima che con cambiamenti strutturali".

Il Papa ha le idee chiare su cosa sia e come debba procedereil rapporto tra Chiesa e la politica, che "deveessere allo stesso tempo parallelo e convergente". Nello specifico significa, procedere con fare parallelo "ognuno con il proprio metodo, i propricompiti, la propria vocazione, e convergenti solo nel bene comune".

Per ilPontefice il silenzio ha valore "come momento ideale per cogliere lamusicalità del linguaggio con il quale il Signore ci parla, e il filo sonoro disilenzio è proprio dell'amore". Nelle parole del Papa "il cristiano che perde la speranza perde il senso stesso della suaesistenza" ed è proprio nella preghiera che non dà fastidio a Dio e non "teme di far rumore" che c'è laconversione, e non nelle "parole staccatedalla pratica".

Le "parole cristiane" svuotate, infatti,della presenza di Cristo sono come parole impazzite, senza senso e ingannatriciche sfociano nell'orgoglio e nel "potereper il potere".

Negli ultimi discorsi di Papa Francesco nelle sue omelie c'èla verità che "la fede non è mai unfatto privato", bisogna iniziare e sviluppare un modo di "pensare in cristiano", ossia non solocon la testa ma anche con il cuore e "lospirito che ha dentro" per poter "capire i segni dei tempi".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto