Arriva maggio, ed arrivano, per l'ennesima volta, le controverse prove dell'INVALSI. E con queste, anche lo sciopero, previsto per il giorno 4, 5 maggio e 12 maggio. Un sistema incredibile, che pone sotto stress gli studenti, che sospende l'ordinaria attività didattica nelle scuole, che alimenta competizione, che addestra a non pensare ma a rispondere così come il sistema ha deciso.

Privacy non pienamente garantita

Sistema dove la privacy è labile, perchè l'anonimato non è pieno.

Lo studente sarà identificato solamente tramite un codice alfanumerico e la chiave di collegamento tra il codice e il nominativo dello studente sarà conosciuta solo dal personale della Scuola abilitato a trattare i dati personali degli studenti e, nelle classi campione, dall’osservatore esterno solamente per quanto riguarda le prove. Un sistema inutile, costoso, che lamenta continuamente carenze di fondi, con personale precario, e che vede buona parte del proprio lavoro essere svolto, gratis, da parte del personale della scuola.

Questionario studente

Tra le follie di questo sistema vi è il questionario dello studente, icui dati servono all'INVALSI per conoscere meglio lo studente e la scuola. Tra le domande tipiche, a cui dovranno rispondere anche i bambini delle scuole elementari, vi sono: a casa hai un posto tranquillo per studiare,un computer da usare per lo studio,una scrivania per fare i compiti,enciclopedie,un collegamento ad internet,una cameretta tutta tua ? E se lo studente non possiede nulla di tutto ciò?

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Scuola

Per varie ragioni?Che diamine mai penserà l'INVALSI? Come lo etichetteranno? Ma questa è solo una delle tante piccole cose discutibiliche emergono durante queste prove.

Il docente sergente

Nei manuali per i somministratori, non di farmaci, ma di prove dell'INVALSI, emergono un' infinità di non. “In nessun caso è consentito l’uso del dizionario; • non è consentito l’uso di gomme, matite e penne cancellabili • per le prove di Matematica, eventuali calcoli o disegni vanno effettuati sul fascicolo stesso; non è consentito l’uso di fogli aggiuntivi per la brutta copia.”Il docente diventa una sorta di sergente.

Dovrà “ dare il via dicendo ora girate la pagina e cominciate”. Scrivere sulla lavagna l’ora di inizio e di fine della prova. Durante la prova girare costantemente tra i banchi per assicurarsi che gli alunni lavorino in completa autonomia, con impegno e senza fermarsi. Trascorsi settantacinque (75) minuti dall’inizio, dire agli allievi di chiudere i fascicoli e passare a ritirarli, rassicurando coloro che eventualmente non siano riusciti a portare a termine la prova.” Eppure sono più di dieci anni che ciò accade.In una scuola indirizzata a divenire più una sorta di caserma, che luogo ove esercitare la libertà d'insegnamento.

E la prova a cronometro per i bambini

Studenti sottoposti ad uno stress allucinante. Vi immaginate i bambini della seconda elementare che devono effettuare delle prove in due minuti? Succede anche questo nella prova preliminare di lettura. Andrà usato un cronometro, ed è consentito utilizzare anche quello di cui tutti i telefoni cellulari sono forniti. Pronti, partenza, via. E la gara potrà partire.

Con il docente sergente che dirà:“Ora girate la pagina e cominciate” e far partire il cronometro, iniziando a contare i due minuti previsti per lo svolgimento della prova preliminare.” L'INVALSI ricorda che “ È fondamentale in questa prova rispettare rigorosamente il tempo di somministrazione. Trascorsi i due minuti, dire agli allievi di posare subito la penna e chiudere i fascicoli. Passare a ritirarli, rassicurando coloro che non fossero riusciti a portare a termine la prova, ribadendo loro che ciò non deve essere motivo di preoccupazione alcuna.”

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto