Il gameplay di SoulCalibur VI è l’evoluzione del tecnico, e ottimamente bilanciato, sistema di combattimento, apprezzato nel quinto capitolo. Un risultato raggiunto grazie al perfezionamento del parco mosse dei lottatori, tutti differenziati e caratterizzati in maniera peculiare.

Pubblicità
Pubblicità

Il maggior pregio del titolo risiede proprio nella giocabilità, immediata sia per i neofiti che profonda, e di alto livello, per gli hardcore gamer. Un prodotto adatto a qualsiasi genere di appassionato dunque. Al di là della scalabilità dell’esperienza, dettata da un single player soddisfacente e da un online votato al competitivo, ciò che convince è la varietà dell’esperienza, con un roster che conferma e amplia le possibilità ludiche dei precedenti lottatori, aggiungendone di nuovi.

Soul Calibur VI (PlayStation 4) Review - A Fighter That Keeps Solo ... - cgmagonline.com
Soul Calibur VI (PlayStation 4) Review - A Fighter That Keeps Solo ... - cgmagonline.com

SoulCalibur 6: new entry

L’universo narrativo è un reboot della saga, un nuovo inizio che coinvolge la mitologia classica di SoulCalibur, riprendendo le vicende di personaggi iconici quali Siegfried, Yoshimitsu, Voldo, Ivy, insieme a new entry. Prima fra tutti quella di Geralt di Rivia, il Witcher dell’omonimo titolo di CD Projekt. La storia si dipana nella ricerca di due spade dai poteri soprannaturali, nella dicotomia tra quella legata al Bene, la SoulCalibur, e l’altra connessa alla forze malefiche e oscure, la Soul Edge. L’intreccio viene sviscerato in due differenti modalità, che si compenetrano nelle informazioni legate ai personaggi della storia, componendo così un universo coerente e omogeneo.

Pubblicità

Anche in questo caso è presente un comparto di lottatori molto articolato con la possibilità, come in passato, di creare il vostro personaggio come meglio credete e renderlo al meglio della vostra creatività.

Grafica e sonoro eccezionale

Un sonoro di ottima fattura con musiche azzeccate e ben riuscite. Il sonoro dei personaggi ben equilibrato. Peccato non ci sia un doppiaggio in italiano. Il gioco rappresenta tutto quello che doveva essere il 5° capitolo, il peggiore della saga.

Con questo nuovo capitolo, Namco Bandai si è presa una bella rivincita e anche a mani basse. Il gioco, infatti, è bello sia graficamente che visivamente. Tra i personaggi 'sbloccabili', abbiamo la grande novità di poter usare, con gli ultimi aggiornamenti, la protagonista di Nier Automata, che non deluderà fan del gioco Sony. Giocarlo su Pc o Ps4/X One non cambia, se giocato in alta risoluzione; anzi si godrà appieno della qualità del gioco.

Leggi tutto