"La cosa giusta da fare è portare l'argomento nel dibattito pubblica", dice Zack Labe, specialista in climatologia artica della Colorado State University, quando gli viene chiesto come affrontare il cambiamento climatico. Come ricercatore di machine learning e data scientist, Labe sta condividendo una serie di grafici e tabelle su Twitter con l'obiettivo di migliorare l'educazione del pubblico sul cambiamento climatico. In un'intervista esclusiva a Blasting Talks - la serie di interviste di Blasting News dedicate ai grandi cambiamenti che il nostro pianeta sta affrontando, tra cui i cambiamenti climatici e la pandemia di coronavirus - Labe spiega che la sua "più grande sfida è quella di far interessare la gente all'Artico", una "parte fondamentale dell'intero sistema Terra".

Labe crede che con l'aiuto del machine learning (l'apprendimento automatico ndr.), il cambiamento climatico artico può essere meglio analizzato e quindi fermato, per questo rimane ottimista: "Abbiamo ancora il potenziale per fare davvero la differenza".

Leggi la versione originale in inglese dell'intervista a Zack Labe.

Blasting News: Lei è uno scienziato del clima artico alla Colorado State University. Sul tuo account Twitter da vita ai dati climatici in una serie di grafici e tabelle per aiutare gli utenti dei social media a capire meglio il cambiamento climatico.

Quando e perché ha iniziato questo processo di miglioramento dell'alfabetizzazione pubblica sul cambiamento climatico?

Zack Labe: Inizialmente, non avevo intenzione di lavorare nella comunicazione scientifica, anche se ora la amo. Tutto è iniziato agli albori dei miei studi universitari, quando ho letto molti articoli scientifici e soprattutto sempre più studi sull'ambiente e il clima artico.

C'erano questi numeri che altri scienziati stavano esponendo e mi sono reso conto che erano difficili da consultare. Se un ricercatore non riesce a capire queste rappresentazioni, come possiamo comunicarle a un pubblico più vasto?

L'Artico è una regione che cambia rapidamente. Il processo scientifico è lungo e ci vogliono anni per pubblicare nuovi studi e articoli.

Ecco perché è importante comunicare questi dati in modo chiaro e accessibile, in tempo reale, per seguire ciò che sta accadendo.

Che ruolo ha l'Artico nell'influenzare il clima globale?

Prima di tutto, bisogna pensare all'Artico come a un frigorifero che si trova sopra il nostro pianeta.

L'Oceano Artico è questa superficie bianca brillante coperta di ghiaccio marino. Durante l'estate, riceve la luce del sole, che quando colpisce questa superficie bianca brillante viene riflessa nello spazio e crea calore. Parte di questo calore sfugge nello spazio e non riscalda l'atmosfera. Con il riscaldamento delle temperature dovuto alle emissioni di gas serra, diminuisce quella superficie bianca. Così ora rimane un oceano scuro.

La gente pensa che anche l'acqua rifletta la luce del sole, ma in realtà è questa acqua scura che assorbe la luce del sole e immagazzina il calore nell'oceano. Poi parte di quel calore viene rilasciato nell'atmosfera e quindi causa un maggiore riscaldamento nell'Artico. Quindi, si ha ciò che gli scienziati artici hanno chiamato "amplificazione artica", che è solo un ulteriore riscaldamento dell'Artico e influisce davvero sul clima globale.

Poi, naturalmente, ci sono molte ragioni per cui gli scienziati guardano l'Artico, come ad esempio influenza la circolazione oceanica o i modelli meteorologici. Quindi l'Artico è davvero una parte fondamentale dell'intero sistema terrestre che è completamente collegato.

Lei ha recentemente condiviso un grafico che mostra come "il ghiaccio marino era più sottile della media in quasi tutto l'Oceano Artico lo scorso dicembre". Stiamo per raggiungere un punto di non ritorno?

I modelli climatici che uso per la mia ricerca e comunicazione non condividono certo una visione ottimistica di ciò che il futuro ci riserva, ma io cerco di rimanere positivo. Quando si guardano le proiezioni dei modelli climatici per l'Artico, sappiamo che si riscalderà più velocemente che in altre parti del mondo. Tuttavia, se si guarda alla quantità di riscaldamento, eventualmente proiettata nel futuro, quell'intervallo di riscaldamento è in realtà maggiore. Quindi si potrebbe vedere come un'incertezza poiché è più grande di altre parti del mondo.

Detto questo, se riduciamo le emissioni di gas serra usando politiche basate su queste prove, possiamo davvero evitare gli scenari peggiori dell'Artico.

Il ghiaccio marino è acqua marina congelata. Quindi se le temperature sono abbastanza fredde nell'oceano e nell'atmosfera, il ghiaccio rimarrà. Penso che abbiamo ancora il potenziale per fare davvero la differenza nel cambiamento climatico artico.

Pensa che questi dati allarmanti aiuteranno a cambiare la percezione e la mentalità delle persone riguardo al cambiamento climatico?

Spero che cambi la mentalità, ma penso che stia funzionando. Lo vedo, non solo perché i miei grafici sono condivisi su Twitter, ma sono anche stato contattato da giornalisti che scrivono di questi argomenti.

Penso che la soluzione migliore sia portare l'argomento nel dibattito pubblico. Sono un climatologo, ma al di fuori del lavoro e della comunicazione, non parlo spesso del cambiamento climatico. La maggior parte delle persone non lo fa. Potremmo parlare del tempo oggi, ma quanto spesso entriamo nei dettagli? Quindi penso che i miei grafici abbiano il loro peso nella discussione pubblica sul cambiamento climatico. Speriamo che questo permetta alla gente di vedere i dati in modo diverso, e che li renda davvero interessati e spingerli a saperne di più. Cerco sempre di condividere i link ai dati nei miei tweet, così le persone possono scavare più a fondo se interessate.

Quali misure pensa siano alla portata delle autorità pubbliche e che devono essere applicate in modo che si possa iniziare a invertire la situazione per evitare la perdita totale della copertura di ghiaccio nel mare Artico?

Non sono un esperto di politica, ma la mia risposta a questa domanda ritorna a quello che ho appena detto, bisogna parlarne. Non si parla abbastanza del cambiamento climatico. Negli Stati Uniti, siamo in un ambiente politicizzato e le persone evitano argomenti come il cambiamento climatico perché hanno paura di ciò che gli altri potrebbero pensare. Abbiamo bisogno di parlarne. La cosa più semplice che la gente può fare per sostenere politiche climatiche basate sull'evidenza è il voto. Se i politici vedono i loro elettori parlare del cambiamento climatico, questa sarà una delle cose su cui decideranno di lavorare.

In che modo il machine learning e i big data potrebbero aiutarci a prevedere il clima futuro ed evitare il suo peggioramento?

Ho due risposte. In primo luogo, abbiamo una quantità incredibile di dati dai satelliti o dai modelli climatici. Ad essere onesti, non abbiamo abbastanza persone e fondi per esaminare tutti i dati che sono effettivamente disponibili. Il machine learning è uno strumento che possiamo usare per analizzare tutti i dati che vogliamo.

Un'altra cosa su cui sto lavorando in questo momento è come possiamo usare il machine learning per imparare nuove conoscenze scientifiche. In passato, l'apprendimento automatico era una specie di parola d'ordine e la gente comprava il machine learning senza essere sicura di come funzionasse. Ma ha funzionato. Quindi è questo che mi affascina. Sto lavorando su questi nuovi strumenti con cui possiamo effettivamente capire come il modello di apprendimento automatico è migliorato e come prende le sue decisioni.

Questo probabilmente rivelerà nuove ed eccitanti conoscenze scientifiche che possono contribuire alla comprensione del clima futuro.

Diverse comunità indigene vivono nell'Artico e l'impatto del cambiamento climatico sulle loro vite e comunità è enorme. Può dirci di più? C'è un modo per dare voce a queste persone?

Sto davvero cercando di essere sempre più coinvolto in questo problema per dare voce alle comunità indigene dell'Artico. Ci sono diverse reti scientifiche presenti per aiutare queste comunità in Alaska, compresa una che ho creato io. Queste reti costruiscono fiducia e relazioni con le comunità e permettono agli scienziati non solo di capire ma anche di scambiare le loro osservazioni.

Così, ascoltando la storia delle comunità indigene e osservando i cambiamenti che vedono, possiamo usare questi dati così importanti per andare avanti. Dare voce a queste comunità è importante per trovare soluzioni contro il riscaldamento globale.

Come possiamo far sentire l'umanità individualmente preoccupata da questa crisi ecologica?

Penso che la mia sfida più grande sia quella di far interessare la gente all'Artico. È un'area remota che la maggior parte delle persone non visiterà o vedrà mai. Eppure, le connessioni con quella regione, che possono non sembrare ovvie all'inizio, influenzano le nostre vite. Per esempio, uno è il riscaldamento delle temperature oceaniche nell'Oceano Pacifico settentrionale, che confina con l'Artico, una zona chiamata Mare di Bering.

C'è molta pesca di aragoste e granchi in questa regione. Tuttavia, i pescatori hanno grossi problemi perché l'ecosistema marino è influenzato dal cambiamento climatico. Se l'industria della pesca ha dei problemi, allora vedremo dei problemi come consumatori: il costo potrebbe salire o ci potrebbero essere meno stock disponibili. Rendendosi conto di questo, il consumatore di mezzo mondo si renderà conto dell'importanza di queste connessioni.

Così come i social media aiutano a diffondere notizie, fanno anche crescere le comunità dei negazionisti del clima e aiutano a condividere le loro idee più velocemente. Si è mai confrontato con loro online? Pensa che ci sia una soluzione per cambiare le loro convinzioni?

Quando ho iniziato sui social media, ero solito interagire con persone che facevano disinformazione sul cambiamento climatico. Anche se ricevo commenti sgradevoli ogni giorno, ora ho scelto di non interagire più. Ho premuto il pulsante "mute" abbastanza spesso su Twitter. Trovo che quasi tutti, a questo punto, riconoscano che il cambiamento climatico è in corso ed è un problema. Il problema è che molti utenti di internet stanno solo cercando di ottenere attenzione sui social. Quindi penso che la cosa principale sia non dare voce a questi argomenti senza senso che ripetono la stessa cosa da anni. Dobbiamo dare voce alla vera scienza, ma anche alle persone che raccontano storie umane o di ecosistemi.

Penso che questo ridurrà le comunità di negazionisti del cambiamento climatico sempre di più con il passare del tempo.

Quindi lei direbbe che non c'è speranza di cambiare le menti dei negazionisti del cambiamento climatico?

Io uso solo dati puri e mostro loro anche come i dati sono stati calcolati. Quindi se questi negazionisti del cambiamento climatico non possono essere convinti da dati reali, sarà complicato. Le persone che possono essere convinte sono sicuramente gli indecisi. Penso che siano le persone che possono cambiare idea e fare la differenza, non le persone che fanno rumore e trollano su internet.

Segui la pagina Blasting Talks
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!