Fenomeno meteorologico inaudito ad Agrigento. L'ultima nevicata è stata nel lontano 25 marzo del 1956. Ben cinque centimetri di neve quella volta imbiancarono la Valle dei Templi. Nell'ultimo giorno del 2014 due centimetri di neve hanno imbiancato la città dei templi. Stavolta però, a differenza d'allora, ciò ha creato più disagi. Nel '56 circolavano pochi mezzi rispetto ad oggi, e la gente non era interessata ad uscire di casa per prepararsi al cenone di Capodanno ed alle feste seguenti.

Pubblicità
Pubblicità

Disagio ma allo stesso tempo stupore per ciò che è successo negli ultimi due giorni in tutta la Sicilia ed in particolar modo ad Agrigento. Infatti vedere il tempio della Concordia imbiancato dalla neve è stato per molti bambini, ma anche per gli adulti, una meraviglia d'altri luoghi. La città ed i suoi quartieri per tutta la giornata del 31 dicembre e la mattinata del 1 gennaio sono stati sotto l'effetto delle precipitazioni nevose.

Pubblicità

I mezzi impiegati dall'ANAS sono stati parecchi, e sono stati impiegati nei circa 250 km di strade statali e provinciali. Nei tratti che portano da Agrigento a Palermo e nei tratti che portano da Agrigento a Mazara del Vallo, in particolar modo nei tratti di Caltabellotta e Sciacca dove il ponte Verdura già malandato è stato messo a dura prova ed è stato chiuso per qualche ora per delle verifiche tecniche.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Spostandoci un po' più nell'entroterra agrigentino da segnalare i disagi che neve e ghiaccio hanno creato nella ridente cittadina di Aragona, ma per fortuna senza danni. Copiosa invece la neve è caduta nei due paesini di montagna di Cammarata e San Giovanni gemini. Invece la città più imbiancata di tutta la provincia è stata Casteltermini, con i suoi quasi 40 centimetri di neve.

Imbiancata anche l'isola di Lampedusa, distante dalle coste siciliane 300 km circa, con aeroporto bloccato per una bufera di neve e circa 20 cm di neve.

Invece da qualche ora circola sui maggiori social network un video, in cui si riconosce il sindaco di Canicattì, insieme a due operai raccattati da qualche parte, che dopo aver comprato del comune sale da cucina presso il più vicino supermercato lo hanno sparso un po' ovunque; questo succede perché non si era pronti ad una evenienza del genere.

Le temperature previste nei prossimi giorni

Già dalla mattina del 2 gennaio le temperature sono previste in rialzo, fino ai 14° previsti di domenica.

Pubblicità

Ma da lunedì sono previsti nuovamente dei cali repentini della temperatura con massime tra i 5 ed i 6 gradi; temperatura che si presume rimarrà costante fino ad almeno il 16 gennaio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto