Le urne dalle ultime elezioni hanno consegnato l'ingovernabilità al Paese ma comunque hanno permesso a centinaia di nuovi cittadini l'ingresso nelle istituzioni, specialmente eletti con il movimento 5 stelle. Ieri è stato il turno del Senato, dove le matricole sono entrate nel palazzo perdendosi tra i corridoi. I veterani, ovvero i senatori rieletti, li hanno accompagnati e hanno fatto loro da Cicerone tra le aule di palazzo Madama.

Pubblicità
Pubblicità

Foto e Iban

Le porte ai nuovi eletti sono ormai aperte, il primo giorno è stato come il welcome day che offrono all'arrivo nei grandi hotel ma senza cocktail. I grillini eletti al Senato sono ben 112, ovvero il triplo rispetto all'ultima volta in cui erano 35; anche la Lega però non è da meno, è passata da 11 a 58 tra nuovi e rieletti senatori. L'accoglienza dei nuovi parlamentari è stata il disbrigo degli adempimenti burocratici ed è iniziata alle 14:30 di ieri nella sala dei Caduti di Nassiriya.

Pubblicità

Le operazioni preliminari e di sistemazione dei nuovi senatori andranno avanti per l'intera settimana, anche dopo il giorno della proclamazione. La prima registrata a palazzo Madama è stata Valeria Fedeli, seguita dalla Binetti, ma le matricole sono molte di più dei riconfermati; per questo motivo molti rieletti hanno rivestito il ruolo di tutor mostrando le stanze ai nuovi arrivati. Fuori dal Senato la fila è lunga, in molti sono ansiosi di essere nominati senatori e tra i primi ci sono i giornalisti Primo di Nicola e Lannuti Elio.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Anche diverse donne, tra cui Angela Piarulli che preoccupata per la foto di rito chiede come sono meglio tenere i capelli: sciolti o raccolti.

Tra le operazioni di registrazione c'è il rilascio delle impronte digitali oltre alla dichiarazione del conto corrente per farsi accreditare lo stipendio, le indennità e i rimborsi. I gruppi politici di appartenenza, successivamente, forniranno cellulari e tablet ai loro senatori.

Alla tessera di senatore come tutti ben sanno sono associati molti benefit, dai viaggi gratuiti per le tratte nazionali ferroviarie e aeree, diversi sconti e prezzi agevolati per la mensa e i bar.

La ricerca della stanza

Ogni senatore ha a disposizione una stanza all'interno di Palazzo Madama, così i senatori rieletti sono corsi ad accaparrarsi quelle migliori. Anche se saranno alla fine i gruppi partitici a scegliere la dislocazione finale, per esempio le stanze che prima erano del PD ora sono passate ai 5 Stelle.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto