È il giorno delle consultazioni e la situazione Politica rimane ancora nello stallo. Nella giornata di ieri, Luigi Di Maio, ha lanciato un appello alle altre forze politiche: "Un contratto di governo con chi ci sta, per fare le cose che servono al paese". È la prima volta che Di Maio decide di giocare a carte completamente scoperte, probabile per lanciare anche un messaggio al presidente Mattarella che incontrerà domani al Quirinale.

Pubblicità
Pubblicità

Il messaggio del leader grillino agli altri partiti è di apertura ma allo stesso tempo di chiusura. Infatti le condizioni dettate appaiono estremamente stringenti; in pratica Di Maio ha chiesto alle altre forze politiche, sia al Pd che al centrodestra, di rinunciare alle proprie leadership per poter scendere a patti con il Movimento 5 Stelle. Il Movimento ha deciso di precludere completamente un'intesa con Forza Italia e il suo leader Silvio Berlusconi: "La Lega deve scegliere.

Pubblicità

Salvini deve scegliere tra la rivoluzione e la restaurazione, se mollare Berlusconi e cominciare a cambiare l’Italia o restare attaccato a Berlusconi e non cambiare nulla”. Di Maio ha concluso dicendo che “non intende deludere gli italiani”: “Siamo di fronte a un’occasione storica”. Un tentativo più evidente di mettere un bastone fra le ruote alla coalizione di centrodestra oramai a trazione leghista.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Renzi

Il leader grillino spinge Salvini a fare una scelta drastica: andare al governo con il M5s e rompere con Berlusconi, oppure tenere in piedi la coalizione di centrodestra e rinunciare all'accordo di governo con Di Maio. Difficilmente, per ora, il leader del Carroccio romperà l'asse con il leader forzista: troppi gli appuntamenti elettorali in programma; troppo alto il rischio di divenire il "socio di minoranza" dei grillini al governo.

Luigi Di Maio ne ha anche per il Pd che invita a sedersi al tavolo delle trattative a patto che i dem abbandonino l'ex segretario Matteo Renzi: anche questo appare più un tentativo conclamato di rompere l'unità di una parte politica che un'apertura vera e propria per l'eventuale accordo di maggioranza. La risposta dei dem non si è fatta attendere, e arriva per bocca di un "falco" renziano e della linea opposizione: "Il Pd, coerentemente con le decisioni assunte in direzione, dirà al presidente Mattarella che non siamo disponibili ad alcun governo che abbia Di Maio o Salvini come premier - ha detto il capogruppo del Pd a Palazzo Madama Andrea Marcucci.

Pubblicità

Le condizioni dettate da Di Maio

Appaiono come il sintomo di una estrema personalizzazione politica avanzata attraverso delle pregiudiziali e delle pretese che molto difficilmente porteranno a una soluzione di governo. Appare praticamente impossibile che il Pd esautori Renzi per andare a svolgere il ruolo di "stampella" nel governo guidato dal leader grillino. Altrettanto complicato è pensare che Salvini possa rompere in toto con Berlusconi in questo momento, improbabile ma non impossibile: non dimentichiamoci cosa è successo la sera della seconda votazione per il presidente del Senato tra Berlusconi e il leader leghista.

Pubblicità

Difficilmente il capo dello Stato concederà l'incarico a chi non è in grado di offrire una soluzione praticabile e concreta; la mossa del "contratto alla tedesca" con annesse condizioni dettate esclusivamente dal leader pentastellato difficilmente aiuteranno quest'ultimo nel convincere il presidente Mattarella che è lui la persona giusta su cui puntare per l'incarico. Più divisioni, meno maggioranza di governo.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto