Il governo di Parigi ha rivendicato con forza la scelta di aumentare le accise sulla benzina, nonostante la protesta di ben 240mila persone. La protesta ha prodotto problemi non indifferenti: i manifestanti infatti si sono riversati su moltissime strade, dalle tangenziali - con conseguenti ingorghi di traffico - alle provinciali, fino alle stradine di campagna. Purtroppo si sono verificati alcuni incidenti e sono stati segnalati 409 feriti, di cui 14 gravi, ed un morto.

Pubblicità
Pubblicità

In un'intervista a Le Parisien, Il ministro dell'Ecologia De Rugy ha dichiarato: ''Siamo stati eletti per risolvere i problemi, quindi dobbiamo uscire dalla trappola delle auto e del petrolio'', lasciando intendere che l'esecutivo andrà avanti mantenendo il punto. Inoltre, a chi chiedeva notizie sulle possibili dimissioni del presidente Macron, De Rugy ha risposto che l'esecutivo è troppo 'giovane' per trarre una conclusione del genere.

Pubblicità

L'attuale governo francese infatti si è insediato da appena 18 mesi.

Macron comunque è stato diverse volte oggetto di aspre critiche e proteste di piazza: il 31 agosto 2017, ad esempio, i francesi manifestarono duramente contro il jobs act in salsa transalpina. La popolarità del Presidente rilevata da vari sondaggi pare essere ai minimi storici, inoltre fra non molto avranno luogo le elezioni europee, che daranno la possibilità di misurare realmente i consensi nei confronti di ''En Marche'' e l'indice di gradimento del governo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Tasse

I prezzi del carburante in Francia

Secondo i dati pubblicati da Global Petrol Prices, negli ultimi mesi (da agosto a novembre per l'esattezza) il prezzo medio del carburante in Francia è stato di 1,55 euro al litro, mentre nello stesso periodo il prezzo medio mondiale era di 1,41 euro al litro. Il dato rende la Francia, assieme all'Italia, uno dei Paesi dove il costo del carburante è più elevato.

Gli aumenti di accise che entreranno in vigore da gennaio 2019 consisteranno in in un rincaro di 6,5 centesimi di euro al litro per quanto riguarda la benzina e 2,9 centesimi per il gasolio.

Similitudini tra Italia e Francia

In Italia i costi di benzina e diesel superano quelli della Francia. Da agosto a novembre nel nostro Paese il costo medio di un litro di benzina è stato di 1,65 euro al litro, con un picco massimo di 1,67 euro.

Pubblicità

Si possono vedere similitudini tra Italia e la Francia, non solo sul prezzo molto alto dei carburanti, ma anche sulla carriera Politica di Macron e Matteo Renzi. Entrambi molto giovani hanno ottenuto una grande e tempestiva popolarità, che però non sono riusciti a conservare. Il motivo di un crollo così verticale potrebbe risiedere nelle politiche molto simili attuate sia dal Pd che da En Marche, fra cui spicca la riforma del lavoro.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto