Dopo le parole di ieri pronunciate da Saviano verso il ministro dell'interno, con cui lo scrittore chiedeva anche una riapertura dei porti, nel tardo pomeriggio è arrivata la risposta di Salvini, altrettanto netta ed esplicita. La diatriba tra lo scrittore e il vicepremier dunque non accenna a spegnersi.

L'attacco di Saviano: 'Salvini non fare il pagliaccio sulla pelle delle persone'

Le aspre polemiche tra Salvini e Saviano non sono certo una novità.

Pubblicità
Pubblicità

Ieri, in seguito agli eventi che vedono protagonista la nave Sea Watch 3 (32 migranti a bordo, più il personale dell'imbarcazione) a cui i porti sono stati chiusi, lo scrittore ha postato un video su Facebook in cui ha invitato Salvini a cambiare comportamenti al più presto. Si è rivolto direttamente al ministro, dicendogli che dovrebbe evitare di fare il pagliaccio sulla pelle delle persone. Lo ha poi invitato ad aprire i porti al più presto, anche perché, ha aggiunto, in realtà non sono mai stati chiusi effettivamente.

Pubblicità

In effetti, secondo i dati del Viminale, sono ben 165 i migranti arrivati sulla penisola dal 22 dicembre ad oggi, e in tutto il mese di dicembre sono stati addirittura 359. I tanto sbandierati "porti chiusi" sarebbero dunque soltanto parole di pura propaganda a cui non è seguito alcun fatto.

Saviano ha poi aggiunto che, se le persone della Sea Watch 3 sbarcheranno, non sarà certo un problema per gli italiani, dal momento che il loro numero è molto piccolo.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

L'autore napoletano sostiene anche che i sindaci che ora stanno aprendo i porti, disubbidendo al decreto sicurezza, stanno semplicemente rispettando i diritti di tutti, anche dei propri cittadini. Aggiunge quindi che è vero che l'Europa si sta comportando in un modo vergognoso, ma questa non può essere una giustificazione per noi, e dunque sarebbe ora di smetterla con la pessima propaganda messa in piedi da Salvini. Lo scrittore ha concluso il suo discorso dicendo che di questa propaganda, fatta tra una pizza e un panino con la nutella, non se ne può davvero più.

La risposta di Salvini: 'Pseudoscrittore'

A sera è arrivata la replica del vicepremier leghista. Salvini, impegnato a Montesilvano, in provincia di Pescara, ha risposto allo scrittore con parole altrettanto dure. Secondo il ministro le polemiche degli ''pseudoscrittori'' e dei sindaci sono fatte soltanto perché non comprendono ciò che leggono. Per queste ragioni, simili parole e certi insulti rivoltegli non lo toccherebbero neanche, poiché lui si è detto impegnato a lavorare e non a discutere inutilmente.

Pubblicità

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto