L’Unione europea sarebbe pronta a mettere letteralmente le mani nelle tasche delle famiglie, anche italiane, andando direttamente a prelevare denaro contante dai loro conti bancari allo scopo di finanziare un “aumento degli investimenti sui mercati dei capitali”. È questo il contenuto della clamorosa denuncia fatta oggi da Diego Fusaro, il giovane filosofo di formazione marxiana e gramsciana, considerato però l’aedo del sovranismo culturale italiano.

Fusaro utilizza le pagine del suo blog personale per puntare nuovamente il dito contro le istituzioni di Bruxelles che, nonostante l’esito del voto delle recenti elezioni Europee (che ha appunto visto crescere i movimenti cosiddetti ‘sovranisti’), rappresenterebbero comunque una minaccia per i cittadini delle diverse nazioni che compongono l’Ue, italiani compresi. Il rischio, questo il grido di dolore del filosofo, è la distruzione dei nostri risparmi.

Fusaro sul suo blog torna ad attaccare ‘l’euro-dittatura’

Ecco come la Ue distruggerà i risparmi degli italiani’. Non usa preamboli Diego Fusaro per introdurre il tema del suo breve post, pubblicato oggi, 29 maggio, sul suo blog diegofusaro.com. La tesi del filosofo di simpatie hegeliane è, per la verità, abbastanza ardita, anche se non è certo la prima volta che i suoi strali vengono rivolti contro l’essenza stessa dell’Unione europea così come è costituita oggi.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

A sostegno della sua gravissima accusa, Fusaro porta solo una breve ma significativa frase, estratta da un documento ufficiale approvato dal Parlamento europeo il 4 aprile scorso. “Le famiglie dell’Unione figurano tra i più grandi risparmiatori al mondo - si legge nel breve estratto condiviso da Fusaro - ma buona parte di tali risparmi è ferma in conti bancari a breve scadenza. Un aumento degli investimenti sui mercati dei capitali può contribuire a rispondere alle sfide rappresentate dall’invecchiamento della popolazione e dai bassi tassi di interesse”.

Il commento del filosofo è criptico e telegrafico: “Avete capito bene?”. Una domanda retorica che, logicamente, contiene già la risposta: ‘Si, l’Ue vuole prendersi i nostri soldi depositati in banca’.

Il documento del Parlamento europeo citato dal filosofo

Naturalmente, l’accusa di Diego Fusaro è tutta da dimostrare sul campo, considerato che il documento di cui sopra è molto lungo ed articolato e non si tratta certo di una legge già in vigore nella Ue, ma solo di un passaggio burocratico parlamentare.

Comunque sia, si tratta della ‘Risoluzione legislativa del Parlamento europeo del 4 aprile 2019 sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sul prodotto pensionistico individuale paneuropeo (PEPP)’. Come si può intuire, non certo una materia così masticabile dal comune cittadino. La frase incriminata condivisa da Fusaro si trova esattamente al primo posto della lista della posizione espressa dal Parlamento Ue in prima lettura.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto