Prime difficoltà per il nuovo governo èela maggioranza "giallo-rossa": in commissione di Vigilanza Rai, infatti, il Partito Democratico ha votato in tutt'altro modo rispetto al Movimento Cinque Stelle, in merito ad una risoluzione attinente al codice etico del personale Rai e dei collaboratori del servizio pubblico.

Pd e Cinque Stelle divisi

La maggioranza di governo ha già a che fare con le prime difficoltà: in sede di commissione di Vigilanza Rai, infatti, il Pd ha votato insieme al centrodestra, a favore della risoluzione che indica alla Rai quali sono le linee guida per la gestione e l'uso dei social network da parte del personale e dei collaboratori Rai.

"Non è stato necessario arrivare in aula per sancire la prima spaccatura nella maggioranza giallorossa", ha commentato Giorgio Mulè, capogruppo di Forza Italia in commissione di Vigilanza. Sottolinea come il M5S non ha votato insieme agli alleati, e a suo avviso questo è l'antipasto di una maggioranza che sta insieme solamente "per occupare poltrone".

E non si è fatta attendere la dichiarazione della Lega: "Alla prima prova del nove il patto delle poltrone si è sgonfiato" ha dichiarato il capogruppo della commissione Massimiliano Capitanio.

Vuole rimarcare il fatto che il Pd ha votato insieme alla Lega, a Forza Italia e Fratelli d'Italia sulla risoluzione del codice etico Rai, mentre il MoVimento Cinque Stelle ha espresso la sua contrarietà ed ha deciso, alla fine, di non prendere parte alle votazioni in plenaria.

Il provvedimento sul codice etico dei dipendenti Rai è stato preso dopo i recenti comportamenti assunti da alcuni giornalisti del servizio pubblico nei riguardi dell'ex ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica M5S

Il giornalista Rai che aveva insultato Salvini

Qualche giorno fa un giornalista Rai aveva attaccato Matteo Salvini con queste parole "Tempo sei mesi e ti spari". E poi ha sottolineato che la figlia avrebbe avuto tempo per potersi riprendere, l'importante sarebbe stato farla seguire da persone brave.

Il post è stato pubblicato sul suo account Facebook dal giornalista della Rai Fabio Sanfilippo ed ha scatenato un grande polverone mediatico in merito ai lavoratori della tv pubblica.

Nei confronti di Salvini, la solidarietà è arrivata da ogni partito politico, compresi i suoi avversari. Anche i vertici della Rai si sono mobilitati ed hanno annunciato un provvedimento disciplinare per il giornalista in questione, che potrebbe subire una sospensione. A difendere Salvini era scesa in campo anche l'ex compagna Giulia Martinelli, madre della figlia Mirta, che ha inviato una lettera a Vittorio Feltri, direttore di Libero, in cui ha espresso tutto il suo dolore e la sua amarezza per questo spiacevole episodio.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto