Il presidente del consiglio Giuseppe Conte è molto irritato dalla condotta Politica dei due Matteo, Renzi e Salvini: il timore più grande, confermato da alcuni rumors, è che loro possano far cadere il governo giallorosso. Conte, sfogandosi con i suoi, dichiara che non gli piacciono i prepotenti, e nel frattempo dovrà gestire la delicata manovra economica, e scegliere il nuovo presidente del Copasir.

I rischi per il governo

Da Palazzo Chigi arriva irritazione per le mosse della Lega, in particolare per la presidenza del Copasir, che, secondo fonti vicine a Conte, non può essere affidata al Carroccio. Secondo il Corriere della Sera, Conte attualmente si sta difendendo dalle offensive dei due Matteo: il primo, Renzi, alleato dell'esecutivo tra Pd e M5S, mentre il secondo, Salvini, a capo dell'opposizione.

La "guerra" di Conte viene definita dal Corriere come difensiva: la preoccupazione risiede nel fatto che sia Renzi che Salvini siano accomunati da un duplice obiettivo comune, far cadere in fretta il governo. E Conte dichiara "a me non piacciono i prepotenti", ed evidentemente si riferisce proprio a loro.

Per il leader del Carroccio far cadere il governo Conte Bis entro il prossimo anno è un obiettivo importante, e in questo modo non sarebbe costretto a cambiare la sua strategia elettorale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Matteo Salvini

Per il leader di Italia Viva, la figura di Conte potrebbe essere concorrenziale, in quanto attira le simpatie e gli interessi dei ceti moderati, attenti alle sue mosse politiche ed economiche.

Le sfide di Conte

Il premier Giuseppe Conte mantiene prudenza e fa capire che Italia Viva non è in una posizione privilegiata per dettare delle condizioni: "Nessuno devo avere una golden share sul governo", visto che nell'esecutivo ci sono anche partiti che fanno "meno rumore", come Liberi e Uguali.

Conte dice di ascoltare tutti, sia Renzi che Speranza.

Il premier dovrà saper fronteggiare l'ex segretario del Partito Democratico, in modo particolare sugli attacchi alla manovra economica, rivolti anche a Roberto Gualtieri, ministro dell'Economia: di questo si sarebbe accorto, sempre secondo il Corriere della Sera, anche il Quirinale, che si dimostra preoccupato per i metodi spregiudicati di Italia Viva.

Conte inoltre dovrà riuscire a realizzare una manovra economica che sappia combattere l'evasione fiscale, abolendo quelle tasse sterili, da eliminare, perché, "non danno gettito". E dovrà combattere gli attacchi di Renzi sulla manovra.

C'è chi considera Renzi peggiore di Salvini, e chi rimpiange l'alleanza con la Lega: qualcuno a Palazzo Chigi, sempre secondo il Corriere, sostiene che un giorno Conte potrebbe stufarsi delle provocazioni per andare in Parlamento e chiedere la fiducia.

È una guerra di logoramento, e il presidente del consiglio dovrà resistere su entrambi i fronti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto