Show di Vittorio Sgarbi a Quarta Repubblica, trasmissione condotta dal giornalista Nicola Porro e andata in onda ieri sera. Tra i temi trattati, non poteva mancare il 'caso Toninelli' ovvero il video che negli ultimi giorni ha avuto moltissime visualizzazioni, in cui si ritrae l'ex ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti litigare con alcuni suoi contestatori che accusavano lui e il suo partito di incoerenza per l'alleanza con il Pd. Il noto critico d'arte e parlamentare Sgarbi, presente come ospite, ha dato adito alla sua furia quando gli è stato chiesto di commentare la vicenda e, partendo da una sua personale premessa ha affermato: 'Il M5s sono sempre stati il nulla, nati dalla formidabile intuizione di prendere il dissenziente che scrive me**a e che fa una scheda nulla, con quello che al posto di me**a scrive Grillo.'' Altro fronte bollente che ha scatenato l'ira del parlamentare ferrarese è stata la riduzione degli stipendi da parte dei pentastellati: ''Io non voglio ridurmi lo stipendio, Toninelli non ha nulla da dire, loro sono ignoranti mancano di cultura elementare e cultura Politica.

Sono incollati, però alle poltrone. Grillo, sono mesi che non si vede, si vergogni.''

Toninelli replica ai suoi contestatori mediante un video: 'Sono stato accerchiato'

Successivamente alla diffusione del video, in cui si ritrae Toninelli, decisamente irato con alcuni suoi contestatori, è stato pubblicato, dallo stesso grillino un altro video in cui ha replicato e ha spiegato quanto accaduto. ''Avevo un appuntamento, eravamo tre persone, ci eravamo recati al baretto per evitare di andare in ufficio quando ad un certo punto è arrivata una squadra di ragazzi e sono stato accerchiato.'' Questa è stata la premessa con la quale ha aperto le sue dichiarazioni il cremonese. ''Sono stati aggressivi - ha proseguito l'ex ministro - mi hanno attaccato e mi sono arrabbiato, io mi taglio lo stipendio da sette anni, noi siamo quelli che hanno abolito i vitalizi, noi andiamo contro i privilegi della casta.

Noi siamo l'unica forza politica a voler smontare quel sistema politico affaristico che ha dominato l'Italia per decenni.'' Toninelli ha concluso il video attaccando alcuni media e anche parte dei suoi colleghi come Salvini accusandoli di aver generato odio attraverso una scorretta diffusione dell'evento: ''Dai media è stata descritta come una situazione come le altre per danneggiare, Salvini ha addirittura ritagliato alcune parti del video generando odio.''

Segui la pagina Anticipazioni Tv
Segui
Segui la pagina Politica
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!