È ormai agli sgoccioli lo spoglio delle schede elettorali relative alle regionali del 20-21 settembre, con alcuni dati che sono già definitivi come in Liguria. Erano sette le regioni interessate al voto. Il centrodestra si è confermato in Liguria e Veneto, mentre in Campania si prosegue con il centrosinistra. È svolta Politica invece nelle Marche dove i cittadini hanno dato le loro preferenze al candidato del centrodestra. Testa a testa in Toscana e in Puglia dove ha ormai prevalso il centrosinistra. In Valle d'Aosta (regione a statuto speciale) lo spoglio comincerà dalla mattinata del 22 settembre.

Regioni del nord: Liguria e Veneto

Giovanni Toti è stato confermato governatore della Regione Liguria con il 56,1% (dati definitivi) con le seguenti liste: Cambiamo con Toti, Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia e Udc. Si ferma al 38,9% Ferruccio Sansa, sostenuto da Partito democratico e Movimento 5 stelle.

In Veneto netta affermazione di Luca Zaia che supera il 70% delle preferenze. Ottimo risultato per la lista civica guidata proprio dal presidente della Regione che è riuscita a sopravanzare anche la Lega. Arturo Lorenzoni, sostenuto dal Partito democratico, è piuttosto lontano al 15,7%.

Regioni del centro: Toscana e Marche

Susanna Ceccardi del centrodestra non è riuscita in Toscana a prevalere su Eugenio Ciani del centrosinistra che è ormai vincitore con il 48,6% delle preferenze contro il 40,5% della sua avversaria.

L'ex sindaca di Cascina ha inviato un messaggio al rivale scrivendogli: "Adesso governa per il bene dei toscani". Il neo-eletto invece ha dichiarato: "Grazie, sono emozionato e commosso. Ha vinto la Toscana".

Nelle Marche il governatore è Francesco Acquaroli. Il deputato di Fratelli d'Italia ha prevalso su Maurizio Mangialardi del centrosinistra sfiorando il 50% dei voti.

Regioni del sud: Campania e Puglia

È netto il divario in Campania tra Vincenzo De Luca (Partito democratico) e il suo principale sfidante, Stefano Caldoro. Il governatore uscente a scrutinio quasi concluso è accreditato di una percentuale del 69,6% mentre il candidato del centrodestra è indicato al 17,9%.

Dopo un serrato testa a testa Michele Emiliano della coalizione di centrosinistra con il 46,9% dei voti ha sopravanzato Raffaele Fitto del centrodestra, confermandosi alla guida della Regione Puglia.

"Non mi hanno mai mollato, mi hanno anche sostenuto nei momenti difficili - ha dichiarato Emiliano dopo il successo - Voglio soprattutto dire che il popolo pugliese ci ha anche perdonato le tante cose che avremmo potuto fare meglio".