La sua relazione extraconiugale era stata scoperta dalla moglie per lui nel peggiore dei modi: alla donna l'aveva confessato direttamente l'altra, l'amante. Un fatto ritenuto inammissibile per il #buttafuori romano di 34 anni che stanotte si è reso protagonista di due sparatorie per poi togliersi la vita stamattina all'alba. La reazione dell'uomo dopo essere stato scoperto dalla famiglia, è stata violentissima, incontrollabile. Voleva uccidere tutte e due le donne, la moglie e l'amante, e come un pistolero ha seminato il panico. Quando i carabinieri l'hanno raggiunto sul lungomare di #ostia per cercare di parlargli e disarmarlo, a sorpresa si è tolto la vita.

Doppio 'raid punitivo' contro le donne della sua vita

Il 34 enne buttafuori romano non accettava il fatto che la sua amante, la donna che dal suo punto di vista avrebbe dovuto custodire il loro segreto, invece avesse spifferato tutto a sua moglie. Voleva punirla. Così ieri dopo mezzanotte è andato a Tor Bella Monaca, quartiere alla periferia sud di Roma, sotto casa della donna con cui aveva una relazione. Con uno stratagemma l'ha invitata ad affacciarsi al balcone e, dopo averla chiamata, le ha sparato due colpi che fortunatamente non sono andati a segno e si sono schiantati contro il muro del palazzo. La donna atterrita è rimasta illesa. Poi, il buttafuori ha ripreso l'auto ed ha guidato fino ad Ostia per fare la seconda incursione. Voleva punire anche la moglie. Si è fermato sotto casa della cognata sapendo che la sua consorte era là.

I migliori video del giorno

Qui ha fatto esplodere altri due proiettili puntando alla porta di casa, di nuovo senza ferire nessuno.

L'assurda svolta all'arrivo dei carabinieri

Non c'era stata nessuna vittima fino a quel momento, solo tanto panico. Allertati dalla segnalazione della duplice #Sparatoria a Tor Bella Monaca e a Ostia, i carabinieri si sono messi alla ricerca del buttafuori. Finché verso le 5 del mattino, una pattuglia che transitava sul lungomare Duca degli Abruzzi di Ostia, l'ha individuato mentre camminava con la pistola in pugno. I militari hanno provato ad avvicinarsi per parlargli, calmarlo e neutralizzarlo, ma c'è stata una svolta repentina e inattesa: si è suicidato [VIDEO]. L'uomo si è puntato la pistola alla tempia, ha premuto il grilletto ed è morto sul colpo. Sono in corso accertamenti sull'arma usata. Il suicida lavorava come buttafuori in alcuni locali della capitale ed aveva avuto dei precedenti per lesioni e porto abusivo di coltello.