Quello dei capillari fragili e dei problemi di circolazione è un disturbo che riguarda tre donne su dieci, soprattutto quelle che per lavoro stanno molto in piedi, ma anche donne in stato di gravidanza e con problemi ormonali; questo problema si può poi accentuare trasformandosi in vene varicose. Per arrivare con gambe in forma all'estate 2014, un po' di costanza e una vita sana saranno nostri alleati.

Le Cause

I capillari fragili e le gambe gonfie a causa della cattiva circolazione, non sono solo problemi estetici, ma vere e proprie patologie, che a lungo andare possono creare problemi molto seri, come le vene varicose. I fattori scatenanti sono: la cattiva digestione, il sovrappeso, l'ansia (che fa produrre al nostro corpo tossine), fare frequentemente saune o esporsi troppo al caldo.

Rimedi

Se la presenza di capillari e il gonfiore alle gambe non sono eccessivi, possiamo organizzare nella nostra casa un piccolo centro Benessere armandoci di buona volontà e qualche crema.

Dopo la doccia e prima di andare a dormire, sarà buona abitudine massaggiare le gambe (dalle caviglie fino alle cosce), con creme a base di Melissa Officinalis, Fucus Vesciculosus, Vite rossa e Centella. I capillari e quelle terribili venuzze blu, possono essere attenuati assumendo vitamina C. Oltre quella che possiamo assumere mangiando frutta e verdura, in commercio si trovano integratori di diverse marche.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Salute

Stop ad alcolici, cibi piccanti, perchè provocano vasodilatazione, e stop anche alle sigarette. Una dieta sana e un peso forma ottimale sono necessari, perchè il sovrappeso danneggia i vasi sanguigni delle gambe. Camminare mezz'ora al giorno e utilizzare le scale invece dell'ascensore, riattiva la circolazione.

Se il problema è più grave, la cura andrà fatta in un centro specializzato. Solitamente è divisa in tre fasi: la prima è la terapia drenante con radiofrequenze, in seguito si passa ai massaggi manuali e con la dermocelluterapia (che si effettua con un macchinario) e infine la diatermocoagulazione, che utilizza dei piccolissimi aghi per liminare i capillari più vistosi.

Quando purtroppo nelle gambe si presentano le vene varicose, è necessario l'intervento dell'angiologo che procederà con un intervento chirurgico e una chiusura dei capillari, che si chiama terapia sclerosante.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto